17 apr 2022

Il prof rinuncia ai Mondiali "Gli studenti contano di più"

Si era qualificato per le finali master dei 100 metri. "Ma ho gli esami di maturità". Insegna Storia e Filosofia allo Scientifico nel Pisano: non posso tradire i miei ragazzi

gabriele nuti
Cronaca
Emiliano Raspi, 50 anni, durante una recente competizione sui 100 metri
Emiliano Raspi, 50 anni, durante una recente competizione sui 100 metri
Emiliano Raspi, 50 anni, durante una recente competizione sui 100 metri

di Gabriele Nuti VOLTERRA (Pisa) Meno di dodici secondi. Sarebbero stati i meno dodici secondi più importanti della sua vita. Ma Emiliano Raspi, 50enne volterrano insegnante di filosofia al Carducci, liceo della sua città, ha rinunciato a questo sogno. Ha rinunciato a partecipare alla gara dei 100 metri ai campionati del mondo Master di Tampere a giugno per stare con i suoi studenti. Per essere con loro all’esame di maturità. La rinuncia a un sogno sportivo ambìto da anni (e solo rincorso a causa di infortuni) per una ulteriore decisione educativa che va ad aggiungersi alle tante prese in questi anni con la sua quinta del Carducci. Tra filosofia, teatro, biblioteca. Meno di dodici secondi perché questo è il tempo massimo utile per accedere ai mondiali. "Questi ragazzi avrebbero fatto una bella maturità anche senza di me perché sono preparati grazie al lavoro fatto in questi anni da loro e da tutti i docenti – le parole di Raspi –. Ma nella vita bisogna prendere decisioni e perché sono convinto che investire nei sentimenti, come ho sempre fatto nella vita, mi ha portato a costruire un mio piccolo mondo immensamente ricco e pieno di soddisfazioni, ma so anche che l’edificazione di un luogo, immaginario e non, così bello, come tutte le cose su questa terra, a volte richiede di pagare un prezzo, anche salato". Il professor Raspi ha 50 anni, è sposato con Beatrice, insegnante alle scuole medie di Volterra, padre di Alessia e Alessandra, 5 e 13 anni, e prima di tornare a insegnare nella sua splendida città ha fatto scuola per molti anni a Carpi e, in precedenza, come supplente in diversi istituti della provincia di Pisa. "Giocavo a calcio – racconta Emiliano Raspi – Ma a quasi trent’anni, dopo un brutto infortunio, ho iniziato a praticare questo sport partecipando a varie ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?