Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
27 giu 2022

Il Patriarca sardo è ritornato a vivere L’olivo di mille anni più forte dei roghi

L’albero di Cuglieri, oltre 10 metri di diametro, era stato distrutto dalle fiamme nel 2021. Ma ora sono rispuntati i germogli

27 giu 2022
riccardo jannello
Cronaca

di Riccardo Jannello CUGLIERI (Oristano) L’Inferno del Patriarca, parafrasando Marquez, potrebbe diventare presto Purgatorio. Se mai tornerà a essere Paradiso non si può ancora dire. L’oleastro millenario di Cuglieri, uno dei monumenti botanici più antichi e importanti al mondo e per questo chiamato dalla comunità locale il Patriarca, avvolto dal fuoco in quel disgraziatissimo 24 luglio 2021 quando l’Oristanese andò in fiamme con conseguenze ancora importanti soprattutto per l’economia agricola, ha dato i primi segnali di risveglio. "Da un malato in fase terminale ricoverato in rianimazione è una bella cosa", ci dice Gianluigi Bacchetta, ordinario di botanica a Cagliari, la cui équipe è al lavoro per ridare vita a una ceppaia che sembrava morta. "Dall’incendio il nostro lavoro è stato immane, prima per raffreddare e salvare l’albero, esposto a temperature elevatissime, quindi per irrigare le radici dove ancora c’era combustione. La siccità autunnale non ci ha reso un buon servizio, speravamo nella primavera e ora possiamo dirlo: l’attività di fotosintesi è ripresa, i primi germogli di 35-40 centimetri stanno crescendo e ora siamo nelle condizioni di confermare che i progressi si stanno concretizzando. Non volevamo essere troppo ottimisti, ma i dati ci dicono che il Patriarca non è morto". Dieci metri di diametro, l’olivastro millenario è molto importante per Cuglieri. "La sua vicenda – ci dice il sindaco del paese, Andrea Loche, agronomo – è paradigmatica. Si tratta della dimostrazione che noi sardi siamo resistenti e resilienti: il Patriarca ha fatto tutto da solo, anche se coccolato dagli scienziati; è risorto dalle sue ceneri e noi non possiamo che essere contenti. Per la nostra comunità è un simbolo e ora possiamo tirare un sospito di sollievo. Ci ha messo millenni per essere quello che è e noi temevamo che la catastrofe ce lo avrebbe portato via. Le ultime notizie ci rincuorono. Se festeggeremo ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?