6 apr 2022

Il patriarca che benedice la guerra Kirill, se questo è un cristiano

Per il capo degli ortodossi le nozze gay sono peggio di un genocidio. Dal 24 febbraio sostiene l’invasione

lucetta
Cronaca

di Lucetta Scaraffia Se si guarda a Kirill, patriarca di tutte le Russie, sembra di venire trasportati indietro nel tempo. Non sono solo le parole, decisamente desuete, con cui ha benedetto l’invasione dell’Ucraina, considerata una "guerra metafisica contro le forze del male" (in questo caso rappresentate dal degrado morale dell’occidente), o con cui ha approvato ogni forma di combattimento dei soldati russi "per difendere la loro patria" dopo la scoperta degli orrori perpetrati a Bucha. Desueta è anche la sua vita: figlio e nipote di preti, destinato quindi a fare carriera nella chiesa ortodossa – a partire da Leningrado, sua città natale, che è la stessa di Putin – e a farla come fedele alleato dello stato, quale esso sia. In questa storia apparentemente lineare si intrecciano però anche elementi diversi: suo nonno è stato relegato da Stalin nei terribili gulag delle isole Solovki, accusato di fare attività religiosa, cioè di non essersi allineato alle direttive del regime comunista. Vladimir invece – è questo il nome laico di Kirill – nel regime si trova benissimo, tanto da diventare negli anni settanta agente del Kgb. La sua carriera religiosa avviene quindi sempre sotto l’ombrello protettore della politica, e in particolare dell’amico personale Putin. Kirill, dopo la nomina a patriarca di Mosca nel 2009, sa bene come si deve muovere un capo religioso di questi tempi, e si distingue come paladino della pace. Dal 2006 è co-presidente della Conferenza mondiale religiosa per la pace e, forse anche in tale veste, nel 2011 si reca in Siria alle soglie del conflitto, rivolgendosi ai contendenti con un appello: "Si può risolvere ogni problema pacificamente, con il dialogo. L’essenziale è che non venga versato sangue". Nel 2012 promuove un viaggio in Polonia per rappacificarsi con gli ortodossi polacchi. Infine, nel 2016, l’incontro a Cuba con papa Francesco lo lancia ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?