Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
16 mag 2022

Il Papa proclama dieci nuovi santi "Possano ispirare la pace"

Presente alla cerimonia il presidente Mattarella che ha ricevuto il saluto del Pontefice

16 mag 2022
Papa Bergoglio, 85 anni, sorretto durante la funzione di ieri
Papa Bergoglio, 85 anni, sorretto durante la funzione di ieri
Papa Bergoglio, 85 anni, sorretto durante la funzione di ieri
Papa Bergoglio, 85 anni, sorretto durante la funzione di ieri
Papa Bergoglio, 85 anni, sorretto durante la funzione di ieri
Papa Bergoglio, 85 anni, sorretto durante la funzione di ieri

"Mentre tristemente nel mondo crescono le distanze e aumentano le tensioni e le guerre, i nuovi santi ispirino soluzioni di insieme, vie di dialogo, specialmente nei cuori e nelle menti di quanti ricoprono incarichi di grande responsabilità e sono chiamati a essere protagonisti di pace e non di guerra". Chiudendo la messa in cui ha proclamato dieci nuovi santi, e introducendo la preghiera del Regina Caeli, papa Francesco non perde l’occasione per un nuovo richiamo sui conflitti internazionali. Ad acclamarlo in Piazza San Pietro 50mila persone, per lo più dai Paesi d’origine dei dieci elevati alla venerazione universale: oltre che dall’Italia, nazione di cinque canonizzati, da Francia, con tre, India e Olanda, con uno ciascuno. Tra i nuovi santi, il religioso francese Charles de Foucauld (1858-1916), esploratore del Sahara e pioniere del dialogo con civiltà e fedi diverse; il prete olandese Titus Brandsma (1881-1942), ucciso a Dachau; c’è anche il primo indiano, Lazzaro detto Devasahayam (1711-1752), ex ufficiale ucciso per la conversione al cristianesimo. Gli altri sono religiosi fondatori di ordini ecclesiastici: i francesi Cesar De Bus (1544-1607) e Marie Rivier (1768-1838). Quindi i cinque italiani: il bergamasco Luigi Maria Palazzolo (1827-1886), il napoletano Giustino Maria Russolillo (1891-1955), la piemontese morta in Uruguay Maria Francesca di Gesù Rubatto (1844-1904), la palermitana Maria di Gesù Santocanale (1852-1923) e la veneta Maria Domenica Mantovani (1862-1934).

I vari Paesi sono rappresentati sul sagrato dalle delegazioni ufficiali, quella italiana guidata dal presidente Mattarella, che il Papa non manca di salutare al Regina Caeli. Bergoglio si mostra in buone condizioni rispetto al dolore al ginocchio destro che lo perseguita da mesi: malgrado la difficoltà a camminare, lascia da parte la sedia a rotelle usata negli ultimi giorni e conduce con sicurezza una messa che lo tiene in piedi per quasi due ore. Al termine anche il bagno di folla nel giro in ‘papamobile’.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?