Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
21 giu 2022

Adele e Viola, un valzer contro le discriminazioni

Per la prima volta il ballo aperto alle coppie dello stesso sesso. "Adele è etero, ma ha fatto la scelta di ballare in coppia con me per una questione morale"

21 giu 2022
silvia bini
Cronaca
Viola Righini, in smoking, e Adele Landolfi, entrambe 18enni, durante il ballo di fine anno al Cicognini di Prato
Viola Righini, in smoking, e Adele Landolfi, entrambe 18enni, durante il ballo di fine anno al Cicognini di Prato
Viola Righini, in smoking, e Adele Landolfi
Viola Righini, in smoking, e Adele Landolfi, entrambe 18enni, durante il ballo di fine anno al Cicognini di Prato
Viola Righini, in smoking, e Adele Landolfi, entrambe 18enni, durante il ballo di fine anno al Cicognini di Prato
Viola Righini, in smoking, e Adele Landolfi

Prato, 21 giugno 2022 - "Sinceramente? È stato più bello di come immaginassi". Viola Righini ce l’ha fatta: ha volteggiato sulle note dei valzer viennesi al ballo delle debuttanti – che nel frattempo ha cambiato nome in ballo di fine anno – organizzato dal Convitto Cicognini di Prato in coppia con l'amica di liceo, Adele Landolfi. Grazie a Viola la cerimonia è stata aperta "a tutte le coppie liberamente formate", quindi anche alle coppie gay. Solo pochi mesi fa, come imponeva l’etichetta, era vietato: solo maschi con femmine, in smoking lui, in abito lungo lei. E invece è stata la più giovane a indossare lo smoking, con la sua compagna in abito lungo color grigio perla. Non è stato un percorso facile né tanto meno indolore. Ci sono state polemiche, offese sui social quando la richiesta di aprire il ballo alle coppie gay emerse alla luce del sole, circa due mesi fa. "Non dovevo essere io l’accompagnatrice di Viola - spiega Adele Landolfi -. Ma ho scelto di farle da spalla perché sono cresciuta con un fratello gay che è stato discriminato negli anni della scuola, un ragazzo che per questo non ha voluto terminare le superiori". La diciottenne oggi è tornata a Napoli per le vacanze e ogni giorno si sente con Viola, che invece è a Prato impegnata nella preparazione della maturità. Viola, partiamo dalle emozioni: cosa è rimasto dopo il ballo? "È stata una grande emozione, più di quanto mi aspettassi. Se devo essere sincera mi sono sentita tanto gli occhi addosso, ma è stata un’esperienza bellissima, a parte i piedi distrutti...". Battaglia vinta? "Sono strafelice di questo percorso prima di tutto per me stessa. Era una battaglia che mi interessava in prima persona e sono felice perché aver cambiato le regole del ballo di fine anno potrà aiutare ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?