Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
18 lug 2022

Il giorno della verità La super perizia smonta la tesi dell’omicidio "David Rossi si uccise"

I risultati dei Carabinieri alla Commissione parlamentare d’inchiesta "Nessun elemento conferma la presenza di terzi nell’ufficio del manager. La caduta avvenne dal terzo piano, la prova decisiva dalle scarpe"

18 lug 2022
pino di blasio
Cronaca

di Pino Di Blasio Tutti aspettavano la maxi perizia dei tecnici di Ros, Ris e Racis, i reparti speciali dei carabinieri, per avere risposte definitive agli oltre 60 quesiti e dubbi elencati dalla commissione parlamentare d’inchiesta sulla morte di David Rossi. E ora che le 700 pagine divise in quattro fascicoli sono arrivate sul tavolo dei commissari e del presidente Pierantonio Zanettin, la risposta poco equivocabile dei reparti speciali è che l’ipotesi del suicidio di David Rossi resta l’unica credibile. Quella sera del 6 marzo 2013 il responsabile della comunicazione di Banca Mps si sarebbe gettato dal suo ufficio al terzo piano di Rocca Salimbeni, precipitando sul vicolo Monte Pio. Non c’era nessun altro in quell’ufficio, non c’è nessun indizio di collutazioni. E in maniera ugualmente netta la maxi perizia smonta anche lo scenario, disegnato da chi chiede, a partire dalla famiglia, che l’inchiesta sulla morte venga riaperta, indagando per omicidio, che Rossi sia stato buttato dal quarto piano della Rocca. Dove si stavano ristrutturando gli uffici, non c’erano testimoni e le sue scarpe si sarebbero sporcate di polvere e calce. In quelle 700 pagine c’è una risposta ai dubbi, ai veleni, alle accuse di incompetenza dei pm che hanno indagato sulla morte, ai presunti misteri che hanno riempito le cronache per anni, hanno fatto da cornice a libri e inchieste, a reportage televisivi infiniti, da Report alle Iene, fino all’articolo su Le Monde di pochi giorni fa, che accosta la morte di David Rossi ai grandi delitti irrisolti d’Italia: da Pier Paolo Pasolini e Giovanni Falcone, all’attentato di Bologna e il rapimento di Aldo Moro. Per i tecnici dei reparti speciali il pm Nastasi non rispose al telefonino di Rossi alla chiamata dell’onorevole Daniela Santanché, come dimostrato anche dai tabulati telefonici. Non ci furono numeri cifrati memorizzati sull’Iphone del manager, che rimanderebbero ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?