Diana fu intervistata il 20 novembre 1995 dal giornalista della Bbc Martin Bashir
Diana fu intervistata il 20 novembre 1995 dal giornalista della Bbc Martin Bashir
di Deborah Bonetti Quasi un quarto di secolo dopo la morte di Lady Diana, stanno ancora emergendo dettagli scabrosi su come la Bbc avrebbe ottenuto l’intervista esclusiva con la principessa che precipitò il suo divorzio dal principe Carlo. Il giornalista che aveva ottenuto lo “scoop del secolo” nel 1995, Martin Bashir, è stato accusato di aver mentito molteplici volte per conquistarsi la fiducia di Diana, che allora era separata ma ancora infelicemente sposata al futuro re...

di Deborah Bonetti

Quasi un quarto di secolo dopo la morte di Lady Diana, stanno ancora emergendo dettagli scabrosi su come la Bbc avrebbe ottenuto l’intervista esclusiva con la principessa che precipitò il suo divorzio dal principe Carlo. Il giornalista che aveva ottenuto lo “scoop del secolo” nel 1995, Martin Bashir, è stato accusato di aver mentito molteplici volte per conquistarsi la fiducia di Diana, che allora era separata ma ancora infelicemente sposata al futuro re Carlo.

È emerso ieri che Bashir avrebbe mostrato alla principessa un documento che confermava l’aborto volontario dell’allora nanny dei principini William e Harry, Tiggy Legge-Bourke. Diana era molto gelosa di Tiggy ed era convinta che Carlo e la tata fossero amanti. Isolata e insicura, Diana si era persuasa che Carlo la volesse morta per potersi sposare con Tiggy, che andava molto d’accordo non solo con William e Harry ma anche con il principe di Galles.

Bashir avrebbe alimentato le paure di Diana mostrandole il documento (falso) e dicendole che conosceva diversi altri dettagli esplosivi sulla famiglia reale. Tra quelli emersi durante l’inchiesta nei confronti della Bbc, accusata di aver protetto Bashir facendo sparire ogni traccia di documenti falsi, ci sarebbero anche menzogne sul principe Edoardo (figlio cadetto della regina) accusato di aver ricevuto cure contro l’Aids e sulla regina stessa, che secondo Bashir soffriva di cuore ed era intenzionata ad abdicare a favore di Carlo.

Secondo il conte Spencer, fratello di Diana e prima “vittima” di Bashir, il quale gli avrebbe mostrato documenti (falsi) che dimostravano come alcune persone a servizio della principessa lavorassero in realtà per i servizi segreti, il giornalista avrebbe estorto l’intervista alla principessa, che non era convinta di volerla fare e si era poi pentita di averla concessa. La Bbc ha allora fatto saltar fuori una lettera, scritta di pugno da Lady Diana, in cui ringraziava Bashir per l’intervista, esprimeva soddisfazione per essersi "potuta liberare di un peso" e lo esonerava da qualsiasi tipo di coercizione. L’inchiesta continua, ma molti hanno fatto il confronto con un’altra intervista “bomba” rilasciata questo mese dal principe ribelle Harry e la moglie Meghan ad Oprah Winfrey. Le rivelazioni sono state pesantissime anche questa volta, eppure nessuno ha (per ora) accusato la Winfrey di aver estorto le rivelazioni alla coppia in modo mendace.