Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
26 feb 2022

Il fattore tempo gioca contro "il nuovo Hitler" Ecco perché Putin lascia aperto uno spiraglio

Nemmeno un regime autoritario può permettersi un genocidio: voleva una guerra lampo ma è costretto a proporre un incontro a Minsk

26 feb 2022
alessandro
Cronaca

di Alessandro Farruggia Il tempo corre e gli ucraini continuano a resistere, difendendo la loro terra dall’aggressore russo. Ma Vladimir Putin non ha tempo. Contava in una rapida vittoria e in un cambio di regime in modo da lasciare a Kiev un governo marionetta del Cremlino, prima di far tornare in Russia il suo esercito. Ma non sta succedendo. Le sue forze stanno tentando una "guerra lampo" con due colonie corazzate che stanno puntando su Kiev per cercare di far cadere il governo ucraino, ma per adesso le forze di difesa stanno resistendo egregiamente. E nel resto del Paese le conquiste territoriali russe sono limitate, visto lo sforzo militare. Putin non può permettersi che i media internazionali mandino in onda per giorni o settimane bombardamenti sulle città e strazianti immagini di civili morti, feriti o sfollati: gente che per i russi è un popolo fratello. Una azione militare per cacciare i (presunti) fascistinazisti ucraini, sia pure con qualche centinaio di vittime collaterali, può essere accettata e persino gradita alla maggior parte dell’opinione pubblica russa, un genocidio ucraino, no. E gli stati maggiori russi stanno comprendendo che no, quella in Ucraina sarà vinta ma non sarà una guerra lampo. Per questo – in una giornata nella quale l’umore del dominus del Cremlino ha oscillato pericolosamente dall’apertura al dialogo alla richiesta di un golpe in Ucraina condita da insulti al governo di Kiev mentre da Mosca giungevano minacce a Paesi dell’Ue – ieri all’ennesima richiesta del presidente ucraino di trattare ("Voglio fare appello ancora una volta al presidente della Federazione Russa perché si sieda al tavolo del negoziato e fermi la morte delle persone") è arrivata a sorpresa un risposta condizionata ma positiva. Il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, ha annunciato che una delegazione composta da funzionari del ministero degli Esteri e della Difesa ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?