28 apr 2022

Il crac da 100 milioni del ristoratore stellato

Bancarotta fraudolenta e frode fiscale: domiciliari per Maspero, titolare del ’Tigli in Theoria’ di Como ed ex velista dell’America’s Cup

paola pioppi
Cronaca
Giovanni Maspero, 47 anni, titolare del ristorante ’Tigli in Theoria’ in centro a Como
Giovanni Maspero, 47 anni, titolare del ristorante ’Tigli in Theoria’ in centro a Como
Giovanni Maspero, 47 anni, titolare del ristorante ’Tigli in Theoria’ in centro a Como

di Paola Pioppi Il mancato versamento di 20 milioni di euro di imposte per garantire il finanziamento delle altre società a lui riconducibili, all’interno di un complesso sistema di bilanciamento di crediti e debiti, che ieri mattina ha portato agli arresti domiciliari Giovanni Maspero, 47 anni, imprenditore comasco titolare del ristorante con Stella Michelin ’Tigli in Theoria’, prestigioso locale che ha sede in un palazzo del 1400 nel pieno centro di Como, il "palazzetto del vescovo" Branda Castiglioni. Maspero, personaggio notissimo in città, è anche un appassionato velista, patron della seconda spedizione di Azzurra del 2009 verso la Coppa America: titolare del Joe Fly Sailing Team che ha gareggiato in tutto il mondo, nel 2009 aveva rifondato il team Azzurra per gareggiare nell’America’s Cup con lo Yacht Club Costa Smeralda e un equipaggio interamente italiano. L’ordinanza di custodia cautelare chiesta dal pubblico ministero Antonia Pavan all’esito degli accertamenti svolti dal Nucleo di polizia economico-finanziaria della Guardia di finanza, e firmata dal gip Andrea Giudici, ipotizza i reati di bancarotta fraudolenta e frode fiscale derivanti da una sottrazione di 17 milioni di euro dal patrimonio di varie società, e 100 milioni di euro di esposizione con l’erario. Le indagini – che coinvolgono anche il fratello di Maspero, Massimo, 37 anni, e il commercialista Roberto Villa, 77 anni di Milano, non destinatari di alcun provvedimento – sono partite in seguito alla richiesta di fallimento della società Prima Comunicazione srl, con sede a Olgiate Comasco, della quale Maspero era amministratore unico, esposta con l’erario per oltre 20 milioni di euro, dal cui patrimonio sarebbero stati distratti oltre 17 milioni, dirottati verso dieci società riconducibili a Maspero stesso, tra cui quella che gestisce il ristorante stellato. Perché l’esperienza professionale di Maspero è ramificata in molti campi: dalla rigenerazione degli smartphone ai laboratori di certificazione della sicurezza ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?