"Italia e Pakistan uniti nel condannare coloro che si macchiano di omicidi".

È quello che è emerso dall’incontro avuto ieri

dal console generale del Pakistan, Manzoor Ahmad Chaudhry (foto), con il sindaco di Novellara Elena Carletti, e con una rappresentanza della comunità pachistana.

Si è ovviamente parlato del caso Saman Abbas. "E’ uno choc anche per i miei connazionali che vivono in Pakistan, che hanno saputo di questa vicenda. La priorità è fare giustizia. Massima fiducia nelle autorità italiane", ha detto il console. Che ha poi aggiunto: "Nessun se e nessun ma sull’approccio agli autori di delitti. Le procedure devono andare avanti per assicurare tutti

i responsabili alla giustizia". Conferma che dalle autorità italiane non risultano ancora arrivate richieste per eventuali catture ed estradizioni in Italia dei genitori di Saman, che risultano essere in Pakistan dal primo maggio. Fa sapere: "Quando avverrà – la collaborazione sarà massima tra le forze di polizia e gli investigatori, anche in base a una procedura già prevista per questi casi". Aggiunge il sindaco: "Questo incontro dimostra la collaborazione forte e concreta tra noi per vivere in una comunità coesa".

Antonio Lecci