30 gen 2022

Il centrodestra ora è in frantumi Meloni furiosa: alleanza da rifare

La presidente di Fratelli d’Italia accusa gli alleati di tradimento: "È mancato il coraggio". Venerdì gli azzurri si erano smarcati per trattare da soli: "Bisogna riflettere sul futuro"

di Elena G. Polidori ROMA Il suo è un requiem: "Il centrodestra non esiste più". Poi, però, piccata, dopo una riunione con i grandi elettori di Fratelli d’Italia, ai quali ha trasmesso lo "stupore" per quanto accaduto nelle ultime ore, proclama: "Il centrodestra va rifondato da capo. Per rispetto delle persone che si aspettano un cambiamento". Giorgia Meloni ieri era furibonda. Matteo Salvini, a distanza, per una volta in questi giorni le ha dato ragione: "Mentre noi siamo stati compatti – ha scandito il Capitano – altri sono andati in ordine sparso: vuol dire che una riflessione sull’alleanza andrà fatta. Io preferisco il gioco di squadra e non battitore libero". Ma per la leader di Fd’I c’è ormai ben poco da riflettere; l’asse sovranista è finito nella polvere e lei ieri lo ha scoperto dalle agenzie di stampa: "Salvini propone di pregare tutti Mattarella per il bis? Non ci credo" ha postato, stupefatta. Poi, travolta dagli eventi, ha vergato una nota durissima: "Fd’I non asseconderà questa scelta fatta per calcoli di opportunità, i partiti hanno scelto di tirare a campare barattando la presidenza della Repubblica per sette mesi di governo". Per Giorgia, insomma, il centrodestra è morto. Quella "fuga in avanti" dell’altro giorno di Antonio Tajani, che si era smarcato dagli alleati nella trattativa finale sul bis a Mattarella, non era stato considerato un vero campanello d’allarme. Invece lo era eccome. Di lì l’arrabbiatura. Nel partito La Russa, Rampelli, Donzelli e altri hanno tentato inutilmente di indurla alla cautela, ma per lei la decisione era ormai presa: nessun voto a Mattarella, perchè "l’hanno posta come una candidatura della maggioranza di governo, lo hanno deciso loro...". Un "loro" che includeva ovviamente anche il Capitano. L’irritazione, la distanza, le incomprensioni e le goffaggini con cui è stata giocata questa partita hanno superato la soglia di ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?