di Paco Misale Aveva 25 anni, era tedesca e di professione faceva la modella. Si chiamava Kasia Lenhardt ed era famosa non solo per aver partecipato, nel 2012, allo show televisivo Germany’s Next Top Model, ma anche e soprattutto per essere stata la fidanzata del difensore del Bayern Monaco Jerome Boateng. Fino a poco più di una settimana fa, quando i due si erano lasciati. Ieri Kasia è stata trovata morta dalla polizia nel suo appartamento di Berlino. Un decesso attorno al quale ruota un autentico giallo, perché sulle cause sono ancora in corso le indagini. Ci sono molti...

di Paco Misale

Aveva 25 anni, era tedesca e di professione faceva la modella. Si chiamava Kasia Lenhardt ed era famosa non solo per aver partecipato, nel 2012, allo show televisivo Germany’s Next Top Model, ma anche e soprattutto per essere stata la fidanzata del difensore del Bayern Monaco Jerome Boateng. Fino a poco più di una settimana fa, quando i due si erano lasciati. Ieri Kasia è stata trovata morta dalla polizia nel suo appartamento di Berlino.

Un decesso attorno al quale ruota un autentico giallo, perché sulle cause sono ancora in corso le indagini. Ci sono molti punti ancora oscuri e sulla vicenda le autorità di polizia, in attesa dell’autopsia prevista nelle prossime ore, non si sono ancora espresse in modo definitivo. Per ora l’ipotesi più accreditata, secondo quanto riporta la ’Bild’, è quella del suicidio. Lenhardt e Boateng si erano lasciati poco più di una settimana fa dopo una relazione durata 15 mesi. Non è comunque ancora chiaro se la morte della modella possa essere collegata in qualche modo alla rottura col calciatore. Era stato lo stesso Boateng ad annunciare la rottura sui social: "Come è noto dai media, ho concluso la relazione con Kasia Lenhardt. D’ora in poi andremo per strade separate. È deplorevole, ma per la mia famiglia e per me è l’unica via giusta. Ho dovuto fare questo passo e tracciare una linea. Chiedo scusa a tutti quelli che ho ferito, soprattutto con la mia ex ragazza Rebecca e i nostri figli. Anch’io sono deluso da me stesso. Un uomo deve assumersi la responsabilità e agire nell’interesse della sua famiglia e lo sto facendo ora. Auguro il meglio a Kasia", aveva scritto il calciatore su Instagram lo scorso 2 febbraio. In ogni caso il decesso della sua ex fidanzata ha scosso il calciatore che salterà la finale del mondiale per club che avrebbe dovuto disputare oggi con il Bayern Monaco contro i messicani del Tigres.

Lenhardt e Boateng avevano chiuso la loro relazione con una litigata finita a insulti sui social. La modella aveva un figlio da una precedente relazione ed era stata accusata dal difensore tedesco di averlo ricattato perché rimanesse con lei: "Durante la nostra relazione Kasia ha spesso minacciato di distruggermi. Ha minacciato di rovinare la mia carriera e persino di farmi perdere i miei figli accusandomi di violenze domestiche" aveva dichiarato Boateng. E la modella aveva risposto dicendo che la rottura in realtà era arrivata a causa delle "bugie e infedeltà", e aveva aggiunto: "Parlerò sicuramente, ma devo riprendermi. Combatterò!".

Il difensore del Bayern aveva deciso di mettere la parola fine al rapporto con Kasia, anche a causa di un episodio riportato dal quotidiano tedesco Bild. Il 5 gennaio scorso, infatti, la modella era uscita di strada mentre era alla guida della macchina di Boateng, finendo per schiantarsi contro un lampione e riportando un tasso alcolico nel sangue molto elevato. Pochi giorni dopo, l’addio tra i due.