Dopo la prima parte della campagna (dedicata agli operatori sanitari),

si passerà alla vaccinazione degli

over 80 (4,4 milioni di persone), alla fascia di popolazione tra i 60 e i 79 anni (13,4 milioni), e di chi ha almeno una malattia cronica (7,4 milioni). Secondo quanto riferito anche da Domenico Arcuri (in foto), commissario straordinario all’emergenza Coronavirus , dopo sarà il turno di chi fa un lavoro considerato a rischio, come le forze dell’ordine o gli insegnanti. Il vaccino sarà gratuito e non obbligatorio, e nella prima fase verrà somministrato a chiamata e non su prenotazione. In questa fase i siti di somministrazione individuati dalle Regioni sono 222, che diventeranno 294 dal 7 gennaio.