29 gen 2022

Il brigatista e l’evasione con Vallanzasca

Morto a 74 anni Corrado Alunni: nel 1980 la fuga (poi fallita) da San Vittore con spari e ostaggi. Mezzo secolo di condanne e la dissociazione

gabriele moroni
Cronaca
Corrado Alunni durante una pausa del processo nel 1980 per l’evasione dal carcere milanese di San Vittore
Corrado Alunni durante una pausa del processo nel 1980 per l’evasione dal carcere milanese di San Vittore
Corrado Alunni durante una pausa del processo nel 1980 per l’evasione dal carcere milanese di San Vittore

di Gabriele Moroni L’ex brigatista Corrado Alunni è morto a 74 anni. Viveva da tempo in provincia di Varese. Tutto inizia con un rubinetto dimenticato aperto in un appartamento al numero 6 di via Scarenzio, periferia di Pavia. L’inquilino ha detto di chiamarsi Angelo Colombi, studente universitario. Ci abita con la giovane moglie. Ogni tanto è ospite un giovane massiccio, capelli biondo-castano. La vigilia di Natale del 1975 lo scrosciare dell’acqua è così forte che una vicina chiama i vigili del fuoco. Sul tavolo del soggiorno e sui ripiani di uno scaffale ci sono una Beretta calibro 7.65, proiettili, opuscoli e volantini delle Brigate rosse. La polizia decide un appostamento. Dalla nebbia serale esce la sagoma incerta di un uomo. Tenta di fuggire. Un mitra alla schiena lo fa desistere. Si chiama Fabrizio Pelli. Gli altri due vengono identificati nelle settimane successive. La donna è Susanna Ronconi, 24 anni, veneziana, figlia di un alto ufficiale. Il giovanotto tarchiato, in cui molti hanno creduto di riconoscere Renato Curcio ossigenato, è Corrado Alunni, di Roma. Nato nel quartiere Centocelle il 12 novembre 1947, studi di perito industriale, nel 1967 Alunni si trasferisce a Milano. Trova lavoro alla Sit-Siemens. Dallo stabilimento esce una parte consistente del nucleo storico delle bierre. Mario Moretti, marchigiano, approdato nella metropoli con un diploma di perito industriale e due lettere di raccomandazione, una per un posto all’Università Cattolica e l’altra per la Sit-Siemens. Paola Besuschio, Giorgio Semeria, Pierluigi Zuffada, Giuliano Isa, Umberto Farioli. Nel ‘71 Alunni è già nelle bierre con compiti di reclutatore. Tre anni dopo entra in clandestinità. Quando, a Pavia, è sfuggito alla cattura, ha già maturato il distacco dalle Brigate rosse, accelerato dall’arresto di Curcio, l’anno dopo. Nascono Rosso Brigate comuniste, le Formazioni comuniste combattenti, Prima linea. La latitanza ha termine a Milano il 13 ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?