ROMA

La tentazione di filtrare la comunicazione sul Covid era già venuta ad altre istituzione. Il presidente della regione Campania Vincenzo De Luca, lo scorso ottobre, aveva deciso che manager ospedalieri e medici avrebbero dovuto parlare del Covid in Campania agli organi di stampa solo se autorizzati dalla Regione Campania. Immediata la reazione di Fnsi, Ordine dei Giornalisti e Sindacato unitario giornalisti Campania, che hanno chiesto al Governatore di ritirare il provvedimento. De Luca ha resistito ma dopo due giorni ha deciso di fare marcia indietro. Con una terza nota si è chiarito che "non c’era alcun impedimento a parlare con la stampa" e che "solo sui dati epidemiologici regionali l’unico riferimento resta l’Unità di crisi regionale".