5 gen 2022

Il 6 gennaio (senza fine) dell’America Un anno dopo è ancora Trump-Biden

Dodici mesi fa l’assalto a Capitol Hill, sede del Congresso: 700 gli incriminati. La ferita non si è rimarginata. Il tycoon all’ultimo momento rinvia la conferenza stampa di domani, il presidente e la Harris ricorderanno le vittime

di Giampaolo Pioli NEW YORK Sotto il sole della Florida o sotto la neve e il ghiaccio di Washington domani due Americhe torneranno a scontrarsi e insultarsi nell’anniversario del giorno più brutto e nero per la sua democrazia. L’assalto del 6 gennaio al Congresso da parte dei fanatici di Trump, che con una sorta di golpe volevano ribaltare il risultato delle elezioni, è fallito, ma la ferita è ancora tutta aperta. Sono morti in 5 tra dimostranti e poliziotti, più di 700 agitatori considerati "terroristi domestici" sono stati arrestati, incarcerati e condannati, ma sia l’America perdente di Trump che quella temporaneamente vincente di Biden, non si sono ancora lasciate alle spalle quelle terribili ore di scontri e di violenze. Dopo un anno nessuno è ancora riuscito a risalire con precisione ai mandanti e a stabilire il grado di coinvolgimento di Donald Trump, accusato di aver istigato alla rivolta col falso slogan delle "elezioni rubate". L’ex presidente, per contrastare il lutto e il minuto di silenzio che il Congresso intende rispettare in ricordo delle vittime, ha indetto una conferenza stampa nella sua residenza di Mar-a-Lago, in Florida, per ribaltare la prospettiva complottista e antidemocratica e rilanciare la sua tesi sulla frode elettorale. Ma poi ieri, a tarda notte, ha rinunciato alla conferenza stampa: "Dirò tutto il 15 gennaio in Arizona". La commissione bipartisan istituita alla Camera per indagare su questo episodio ha raccolto due milioni di documenti, migliaia di ore di conversazioni telefoniche, ma ha ancora davanti diversi mesi e altri 300 testimoni da sentire prima di arrivare alle sue conclusioni. I deputati repubblicani e democratici che indagano hanno chiesto e ottenuto decine di mandati di comparizione, che riguarderebbero anche lo stesso ex presidente e i suoi figli se si rifiutassero di testimoniare nelle prossime settimane sotto giuramento. A Palm Beach e a Washington quella ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?