27 feb 2022

"I terremoti si prevedono" Giuliani e quell’idea fissa

Morto a 75 anni il tecnico (senza laurea) salito alla ribalta con il sisma dell’Aquila. Dalle liti con Bertolaso alla bocciatura dell’Ingv: una teoria mai convalidata

giovanni rossi
Cronaca

di Giovanni Rossi Allo stato attuale delle conoscenze scientifiche i terremoti sono e restano imprevibili. Ma nessuno sa se Giampaolo Giuliani, morto a 75 anni dopo una vita intensa e una breve malattia, abbia lasciato il mondo ancora convinto del contrario. L’ex tecnico (senza laurea) dell’Istituto nazionale di fisica nucleare nei laboratori del Gran Sasso diventa famoso in occasione del terremoto che il 6 aprile 2009 rade al suolo L’Aquila. Una settimana prima, alla luce dello sciame che da settimane martoria l’Abruzzo, Giuliani predice un forte sisma a Sulmona. Quel pronostico sbagliato si traduce in avviso di garanzia per procurato allarme (con successiva assoluzione). Ma la calibrata teoria di Giuliani, che valorizza la variazione nelle emissioni di gas radon del sottosuolo come preannuncio di catastrofe, acquisisce immediata notorietà. E così le sue parole modello Cassandra, all’indomani della devastante scossa aquilana di magnitudo 5,8 gradi Richter, finiscono per intrecciarsi alle polemiche sul comportamento della Commissione Grandi Rischi. Risultato: Giuliani diventa il contraltare di Guido Bertolaso, l’uomo delle emergenze del governo Berlusconi, e di Enzo Boschi, presidente dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia. Ci mette anche un po’ di rabbia pretendendo le scuse di Bertolaso per la bocciatura delle sue richieste di finanziamento. Giornali e tv lo cercano (e poi lo scaricano), mentre il web (dove già emergono pulsioni anti scientifiche) ne fa un santino: credibile a dispetto della mancanza di titoli. Una parabola già percorsa dall’autodidatta faentino Raffaele Bendandi negli anni Settanta. Nei suoi studi portati avanti privatamente sin dal 1999 (fuori dalle viscere del Gran Sasso), Giuliani realizza un sistema di rilevatori di gas radon che mette a punto tra Turchia e Abruzzo. Nel 2002, alla vigilia del terremoto di San Giuliano di Puglia (5,7 gradi Richter, 30 morti), segnala alla Protezione civile valori anomali di radon (senza altri elementi utili). Uomo ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?