I talebani sostengono che non vi sia nessuna prova del ruolo del leader di Al

Qaeda, Osama Bin Laden, negli attentati dell’11 settembre, in seguito ai quali gli Stati Uniti invasero l’Afghanistan nel 2001. "Quando Osama Bin Laden è diventato una questione per gli americani, lui si trovava in Afghanistan. Non c’era nessuna prova che fosse coinvolto negli attentati dell’11 settembre", ha detto il portavoce dei talebani Zabihullah Mujahid. "Ora abbiamo promesso che il suolo afghano non verrà usato contro nessuno", ha aggiunto.