Matteo Salvini durante un comizio a Torino (Ansa)
Matteo Salvini durante un comizio a Torino (Ansa)
"Il problema non sono i non vaccinati, ma il virus che varia. Le variazioni nascono come reazione ai vaccini. In Israele sono tutti vaccinati e il virus sta girando tra migliaia di persone. Io invito, non obbligo tutti a vaccinarsi, ma servono i tamponi, gratuiti per chi non se lo può permettere". Così Matteo Salvini su La7. Parole che fanno scoppiare la polemica politica. Durissima la reazione...

"Il problema non sono i non vaccinati, ma il virus che varia. Le variazioni nascono come reazione ai vaccini. In Israele sono tutti vaccinati e il virus sta girando tra migliaia di persone. Io invito, non obbligo tutti a vaccinarsi, ma servono i tamponi, gratuiti per chi non se lo può permettere". Così Matteo Salvini su La7. Parole che fanno scoppiare la polemica politica. Durissima la reazione del Pd. Per Matteo Ricci, sindaco di Pesaro e coordinatore dei sindaci dem, "Salvini è totalmente irresponsabile". "Non si può parlare a vanvera contro ogni evidenza scientifica. La sua presenza al governo – aggiunge – sta frenando l’azione virtuosa di Draghi. La Lega sta facendo opposizione no vax, esca dall’esecutivo, non è compatibile". Pesante anche il commento del virologo Roberto Burioni, che, postando la frase di Salvini, scrive su Twitter: "Voi capite perché sono scoraggiato?". E oggi Burioni rincara con ironia: "'Le varianti sono provocate dal vaccino' è al livello di 'gli incidenti sono provocati dai freni, sento sempre frenare prima di un incidente'".

Coronavirus, bollettino dell'11 settembre. Dati e percentuali

Intanto, monta la pressione dei governatori leghisti del nord perchè si vada avanti spediti sull’estensione del green pass, malgrado a Roma il partito abbia scelto una politica più gradualista. Un dibattito interno che cresce attorno al segretario, sempre più stretto tra l’ala "governista", e quella movimentista, che chiede maggiore prudenza su questo fronte. Ma Salvini non vuol nemmeno sentir parlare di spaccatura e, anzi, rivendica l’esito dell’accordo raggiunto. "Questa delle due Leghe è una fantasia che va bene per Topolino. La nostra discussione sui Green pass ha spinto tutto il governo a darci ragione sui tamponi gratis per chi è in condizioni di necessità". Detto questo, all’indomani del voto di Montecitorio sul decreto, il governatore del Veneto, Luca Zaia, conferma la sua linea: "L’estensione del Green pass vada nella direzione di sostenere la campagna vaccinale".