Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
23 giu 2021

I pirati del lago di Garda sono già in Germania. E uno di loro ha rifiutato l’alcoltest

L’altro, dopo 12 ore, è risultato negativo. L'avvocato: "Non è una fuga". Ma non hanno spiegato chi guidasse

23 giu 2021
beatrice raspa
Cronaca
featured image
La barca squarciata dal motoscafo
featured image
La barca squarciata dal motoscafo

I turisti tedeschi che nella tarda serata di sabato hanno falciato e ucciso sul Garda con il loro potente motoscafo il barchino con a bordo Umberto Garzarella, 37 anni, e Greta Nedrotti, 25, incontrato al largo del golfo di Salò, ora indagati per omicidio colposo plurimo e omissione di soccorso, sono già in Germania. "Ma quale fuga? Lo scriva: non sono scappati – precisa l’avvocato Guido Sola, Foro di Modena, che li assiste –. Ma dove vuole che vadano? Sono disintegrati per che quel è successo a quei poveri ragazzi. Dopo aver reso interrogatorio fino alle due di notte semplicemente sono tornati a casa, a Monaco, dove hanno moglie e figli. Parliamo di professionisti affermati, padri di famiglia che mai hanno avuto problemi con la giustizia. Esperti di navigazione con patente nautica da 30 anni. Non intendono sottrarsi alle autorità". Eppure, solo uno si è sottoposto all’alcol test disposto con urgenza domenica dalla procura per accertare in quali condizioni psicofisiche si trovasse al momento dell’incidente. L’esito – a 12 ore dal fatto – è negativo. L’amico, invece, si è rifiutato. Un dato che stride con la asserita, totale disponibilità a collaborare. "Giuro che non ne ero a conoscenza di questo dettaglio, ho incontrato per la prima volta i miei assistiti in caserma domenica alle 15 e li ho trovati choccati, incapaci di credere a quel disastro – continua il legale –. Pensavano a un errore. Avessi saputo prima, li avrei invitati a sottoporsi di corsa a tutti gli accertamenti". La notizia del ‘rifiuto’ ha generato qualche alzata di sopracciglio in procura, dove già sono alle prese con la lacunosità del codice nel caso di incidente nautico, non equiparato all’omicidio stradale e normato in modo più blando, in termini di omicidio colposo. Un reato per il quale, essendo la pena più ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?