7 gen 2022

I parà russi in Kazakistan Si spara ad altezza uomo

Scene da guerra civile. Decine di morti, un migliaio di feriti e 2mila arresti. Putin in soccorso del presidente Tokayev, la Farnesina: "Porre fine alle violenze"

Le proteste di piazza hanno infiammato le città più importanti del Kazakistan
Le proteste di piazza hanno infiammato le città più importanti del Kazakistan
Le proteste di piazza hanno infiammato le città più importanti del Kazakistan

Il palazzo presidenziale e il municipio di Almaty che continuano a bruciare, altri edifici governativi in rovina, veicoli della polizia carbonizzati nelle strade, bossoli di proiettili a cospargere il terreno. E ancora, di tanto in tanto, il rumore di spari proveniente dalla piazza della Repubblica, nel cuore della città. L’ex capitale e centro economico del Kazakistan, avvolta nella nebbia, appare come un girone dantesco. Immagini da guerra civile più che da proteste di piazza, con un bilancio che si aggrava di ora in ora. Decine i morti, almeno un migliaio i feriti e circa 2mila arresti, secondo le ultime cifre fornite dalle autorità. Intanto, guidate dai paracadutisti russi, arrivano le avanguardie delle forze dei Paesi del Trattato collettivo di sicurezza (Csto), chiamate in soccorso dal presidente Kassym-Jomar Tokayev, secondo il quale il Paese è vittima di un attacco di terroristi guidati da potenze straniere. Dello stesso avviso Mosca, secondo la quale "formazioni armate organizzate" sono all’opera per "minare la sicurezza e l’integrità" del Kazakistan, finora considerata la più stabile e prospera Repubblica ex sovietica dell’Asia centrale, alleata della Russia ma che negli anni ha attirato enormi investimenti, anche Usa ed europei, per sfruttare le sue risorse energetiche. E non è un caso che il ministero degli Esteri abbia tenuto ad assicurare che "gli investimenti esteri e gli affari delle società straniere saranno protetti". Mentre la Farnesina, lanciando un appello perché "si metta immediatamente fine alle violenze", sottolinea i "rapporti di amicizia" e il "solido partenariato economico" tra l’Italia e il Kazakhstan. Avere un quadro preciso della situazione, e capire come sia evoluta dopo le prime proteste scoppiate domenica per l’aumento dei prezzi del Gpl, non è facile, anche per il blocco quasi continuo di Internet e delle linee dei telefoni cellulari. Ma le scene di distruzione e diverse testimonianze indicano che almeno ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?