Energia a microonde: è la probabile causa della cosiddetta "sindrome dell’Avana", il misterioso malessere che negli anni scorsi aveva colpito i diplomatici americani prima a Cuba e poi in Cina, portando all’evacuazione del personale e al gelo delle relazioni diplomatiche. È questa la conclusione di una ricerca dell’Accademia nazionale delle scienze Usa per conto del dipartimento di Stato, dopo che a lungo si...

Energia a microonde: è la probabile causa della cosiddetta "sindrome dell’Avana", il misterioso malessere che negli anni scorsi aveva colpito i diplomatici americani prima a Cuba e poi in Cina, portando all’evacuazione del personale e al gelo delle relazioni diplomatiche.

È questa la conclusione di una ricerca dell’Accademia nazionale delle scienze Usa per conto del dipartimento di Stato, dopo che a lungo si erano ipotizzati non meglio precisati "attacchi acustici". Lo studio sostiene che "l’energia di radiofrequenza diretta e pulsata sembra essere la spiegazione più plausibile" dei sintomi, che sono molto vari: mal di testa, nausea, vertigini, vista offuscata, ronzii alle orecchie, perdita di udito, difficoltà nel parlare.

Gli esperti non indicano la fonte dell’energia né dicono se è il risultato di un attacco, ma ricordano che ricerche di questo tipo furono condotte alcuni decenni fa in Unione Sovietica ed offrono "un sostegno circostanziale a questo possibile meccanismo".

Allarmante la conclusione degli scienziati, secondo cui "la mera considerazione di questo scenario solleva gravi preoccupazioni "in un mondo con attori malevoli disinibiti e nuovi strumenti per fare del male ad altri".

Da qui l’invito al governo Usa ad attrezzarsi contro tali minacce.

I primi casi risalgono al 2016, quando alcuni diplomatici americani all’Avana, come poi alcuni canadesi, cominciarono a percepire improvvisamente un forte rumore, "accompagnato da dolore in una o entrambe le orecchie o in un’ampia regione della testa e, in alcuni casi, da una sensazione di pressione o vibrazione della testa, vertigini, seguite in alcuni casi da tintinnio, problemi visivi e difficoltà cognitive", ricorda lo studio.

Fu proprio la varietà di sintomi a rendere difficile la soluzione del mistero.

L’amministrazione Trump, pur in assenza di prove, puntò il dito contro L’Avana e cacciò una quindicina di diplomatici cubani da Washington. Ma poi la sindrome si manifestò anche tra il personale americano in Cina e diversi dipendenti furono evacuati dalla città di Guangzhou. Il giallo resta insoluto.