4 mag 2022

I grillini e il tabù termovalorizzatori Gli esperti: basta dogmi sui rifiuti

Il sindaco della Capitale vuole costruirne uno entro il 2025. E la decisione riaccende un vecchio dibattito. Il professor Grosso: "Sono necessari, producono energia". Ma gli ambientalisti la pensano diversamente

Il sindaco di Roma, Roberto Gualtieri (55 anni), deve affrontare l’annoso problema dello smaltimento dei rifiuti
Il sindaco di Roma, Roberto Gualtieri (55 anni), deve affrontare l’annoso problema dello smaltimento dei rifiuti
Il sindaco di Roma, Roberto Gualtieri (55 anni), deve affrontare l’annoso problema dello smaltimento dei rifiuti

di Alessandro Farruggia ROMA Con la scelta del sindaco di Roma di costruire un inceneritore nella Capitale entro il Giubileo del 2025 (missione virtualmente impossibile), si riapre – anche nel governo – la battaglia sui termovalorizzatori. Che a Copenaghen o Vienna hanno trovato un loro spazio e sono accettati dalla popolazione mentre da noi, ove ci sono, vengono costruiti – da Parma ad Acerra – solo dopo lunghe battaglie. Dimenticati gli antiquati e inquinanti inceneritori degli anni ’80, gli impianti costruiti oggi sono termovalorizzatori con recupero di calore e produzione di elettricità e trattamento di filtraggio dei fumi, per ridurre significativamente le emissioni. E servono a smaltire senza mandarla in discarica quella quota di rifiuto urbano che non è riciclabile. Ma per i grillini restano un tabù. "Premesso che la raccolta differenziata è e deve essere la priorità – osserva il professor Mario Grosso, docente di gestione e trattamento dei rifiuti solidi al Politecnico di Milano – anche facendo una raccolta differenziata molto spinta, diciamo tra il 65 e il 70%, ho comunque un 25-30% di materiale che non riesco a recuperare. A questo vanno aggiuntI gli scarti della raccolta differenziata, che sono circa il 15-20% del totale. Il che significa che ho circa un 40-45% dei rifiuti solidi urbani che non posso recuperare. Volendo giustamente porre fine allo smaltimento in discarica, la termovalorizzazione consente di trattare correttamente il rifiuto e produrre energia e calore per il riscaldamento urbano". "Bisognava pensarci, specie al centro-sud, almeno 15 o 20 anni fa– prosegue Grasso – ma la cultura del no agli impianti, non solo termovalorizzatori ma impianti anche per il riciclo, una esasperata cultura del no ci ha portati in aree come la capitale ad una situazione di non sostenibilità. E quindi, sì, a Roma un impianto di termovalorizzazione è assolutamente opportuno e necessario". Ma ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?