Scendono di nuovo in campo i Ferragnez, sempre sul ddl Zan, ma ora contro Matteo Renzi. Stavolta è Chiara Ferragni (foto) che va all’attacco su Instagram: "L’Italia è il Paese più trasfobico d’Europa. E Iv (con Salvini) si permette di giocarci su", accompagnato da una foto di Renzi e la scritta: "Che schifo che fate, politici!". Al leader...

Scendono di nuovo in campo i Ferragnez, sempre sul ddl Zan, ma ora contro Matteo Renzi. Stavolta è Chiara Ferragni (foto) che va all’attacco su Instagram: "L’Italia è il Paese più trasfobico d’Europa. E Iv (con Salvini) si permette di giocarci su", accompagnato da una foto di Renzi e la scritta: "Che schifo che fate, politici!". Al leader di Italia Viva il post della Ferragni non piace e replica subito: "Entra nel dibattito sulla Legge Zan dicendo ai suoi 24 milioni di follower ‘Che schifo che fate politici’, con la mia faccia – scrive Renzi – Sono pronto a un dibattito pubblico con la dottoressa Ferragni, dove vuole e come vuole. Sono sempre pronto a confrontarmi con chi ha il coraggio di difendere le proprie idee". Nello scontro social interviene anche Fedez. "Stai sereno Matteo, oggi (ieri, ndr) c’è la partita. C’è tempo per spiegare quanto sei bravo a fare la pipì sulla testa degli italiani dicendogli che è pioggia", scrive il rapper su Twitter.

La contro-replica di Renzi è servita: "Ho sempre difeso la Ferragni da chi la criticava. Fa bene a dire quello che pensa. Solo che da lei mi aspettavo qualcosa in più di una frasina banale e qualunquista – è l’affondo del leader di Iv –. Dire che i politici fanno schifo è il mediocre ritornello di chi vive di pregiudizi. Mi aspetterei un confronto nel merito. Perché sapete chi fa davvero schifo in politica? Chi non studia, chi non approfondisce, chi non ascolta le ragioni degli altri, chi pensa di avere sempre ragione. Io ho fatto la legge sulle unioni civili". E ancora: "La politica è serietà, passione, fatica", ribadisce Renzi che cita gli articoli ded ddl Zan, il regolamento del Senato e altri tecnicismi. Come a dire: studia.

Ettore Maria Colombo