29 gen 2022

I colpi a vuoto del leader Salvini Forza Italia rompe: trattiamo da soli

L’attivismo del segretario leghista irrita gli alleati storici e non fa breccia nel fronte progressista

elena g. polidori
Cronaca
Matteo Salvini (48 anni), leader della Lega, è uno dei registi di questa elezione
Matteo Salvini (48 anni), leader della Lega, è uno dei registi di questa elezione
Matteo Salvini (48 anni), leader della Lega, è uno dei registi di questa elezione

di Elena G. Polidori Altro che Papetee. Stavolta Matteo Salvini, è andato a schiantarsi, vanificando in un soffio quella prova di maturità politica da kingmaker del nuovo Capo dello Stato che i numeri – ma anche gli affidavit degli alleati – gli avevano consegnato quasi come un assegno in bianco. Sulla partita più delicata, quella della tessitura dell’unità interna su cui si misura davvero un leader, il Capitano è riuscito a frantumarelil centrodestra mandando su tutte le furie Giorgia Meloni, che non ne ha condiviso la strategia, e facendo irritare Silvio Berlusconi. Tanto che in serata gli azzurri si smarcano: "Forza Italia da questo momento in poi discuterà e tratterà autonomamente con le altre forze politiche". Salvini dice che è giusto così, ma poi pare che sarà Berlusconi in persona a riprendersi la scena: "Tratto io per FI". Qualche ora prima il capo del Carroccio se n’era uscito così: "Sto lavorando perché ci sia un presidente donna in gamba. Non faccio nomi, per non avere no a priori, mi auguro che domani (oggi, ndr) il Parlamento dia prova di lucidità. Spero che tutti la smettano di mettere veti e sono assolutamente fiducioso". Una nuova "bomba"? Oppure l’effettivo attivismo di Salvini in favore di Elisabetta Belloni, "donna in gamba" su cui si attesta anche la simpatia di Giorgia Meloni? Se anche quest’ultima partita dovesse fallire, allora per Salvini non ci sarebbero più margini di manovra. Ieri il numero due leghista Giancarlo Giorgetti aveva definito Belloni "una candidata che si può votare". Belloni, dunque? Le prossime ore lo sveleranno, ma sta di fatto che, nella foga di rendersi protagonista, il Capitano aveva già dato prova di essere capace di bruciare nomi su nomi: è stato l’artefice di un grande falò. Dopo aver illustrato la rosa di tre nomi (Carlo Nordio, Letizia Moratti e Marcello Pera), ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?