Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
15 gen 2022

I 90 anni di Amadori senza il pranzo di famiglia

Il fondatore Francesco li compie oggi, ma il licenziamento della nipote dall’azienda fa ancora discutere. E lei telefona al nonno

15 gen 2022
simone arminio, paolo morelli, luca ravaglia
Cronaca
Francesco Amadori, fondatore del gruppo, 90 anni oggi, e la nipote Francesca, 45 anni
Francesco Amadori, fondatore del gruppo, 90 anni oggi, e la nipote Francesca, 45 anni
Francesco Amadori, fondatore del gruppo, 90 anni oggi, e la nipote Francesca, 45 anni
Francesco Amadori, fondatore del gruppo, 90 anni oggi, e la nipote Francesca, 45 anni

La prima conseguenza, plastica, dei dissidi in casa Amadori, è che oggi non si terrà il consueto pranzo in famiglia, a Cesena, per il compleanno del patron Francesco. Dispiacere doppio, poiché la cifra è tonda: il fondatore del secondo gruppo avicolo italiano (1,2 miliardi di euro di fatturato) compie 90 anni. Per lui l’azienda avicola leader ha comprato una pagina sui giornali con un 90 gigantesco e un grazie da parte di "8.900 persone che non hanno mai smesso di guardare al futuro accanto a te". La cifra è quella dei dipendenti, ma dovrebbe essere 8.899, perché nel frattempo Francesca, nipote e pupilla del fondatore, fino a due giorni fa direttrice comunicazione e un percorso di leadership già scritto, è stata licenziata in tronco. Ultimo atto di una guerra in famiglia che durava da mesi. Nei fatti estromessa dal padre Flavio, presidente, che però si trovava tatticamente all’estero. In azienda anche il fratello di Flavio, Denis e i cugini di Francesca, Andrea e Gianluca. Figli di Arnaldo, che a sua volta fu liquidato dal fratello nel 1998, così come fu vent’anni prima per l’altro fratello, Adelmo. Una storia che si ripete, insomma, e che annovera tra le uscite brusche anche quelle della madre di Francesca, la manager Maurizia Boschetti. Niente festa in famiglia, no. "Non si poteva comunque, c’è il Covid", precisa qualcuno. Ma anche i cellulari degli Amadori sono spenti. Perché anche se l’azienda minimizza ("il rapporto lavorativo si è concluso per motivazioni rispettose dei principi e delle regole aziendali, valide per tutti i dipendenti, senza distinzione"), là fuori non si parla d’altro che della saga familiare. E Francesca, che ha subito sentito il nonno per telefono, studia le carte: "Sto valutando le iniziative più opportune – aveva detto a caldo – per oppormi a un provvedimento che ritengo ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?