Hotel Rigopiano a Farindola
Hotel Rigopiano a Farindola

L'Aquila, 21 gennaio 2017 - Miracolo all'Hotel Rigopiano di Farindola, travolto mercoledì da una slavina provocata dal terremoto. Sotto le macerie sono stati trovati 10 sopravvissuti, rimasti sotto la slavina per 43 ore. Di questi sono stati estratti, di cui 3 questa notte. Una quarta questa mattina.  E si sentono altre voci. Nella notte è stato però recuperato anche il corpo di una donna senza vita. E sarebbero ancora una ventina le persone disperse. 

Tutti gli aggiornamenti del 21 gennaio

Sei i superstiti individuati in un primo momento ieri dai soccorritori, si trovavano probabilmente nella zona ricreativa, dove ci sono bar e sala biliardo. Raggiunto in un secondo momento un settimo sopravvissuto, quindi tre bambini, estratti dopo poco dalle macerie. E nella notte altre tre persone sono state tirate fuori. In totale sono 10 le persone individuate, 3 ancora da salvare . Tutti i bambini presenti nella struttura sarebbero stati estratti. Tra i primi a essere tirati fuori la moglie di uno dei superstiti, Giampiero Parete, con il bambino (VIDEO - Il salvataggio del bambino). Nella serata di ieri salvata anche la figlia Ludovica: la famiglia si è cosi ricomposta. 

 

LA CRONACA MINUTO PER MINUTO

6.00 - Sale a tre il bilancio ufficiale delle vittime: i vigili del fuoco hanno trovato il corpo di una donna - ancora non identificato - tra le macerie dell'albergo. Si è anche appreso che sono due donne e un uomo le tre persone estratte dai vigili del fuoco dalle macerie.

4.00 - Estratte tre persone vive sulle altre cinque individuate. Si tratta di due uomini e una donna. 

2.00 - Sarebbero ancora una ventina le persone che si pensa siano disperse. Il numero è suggerito ai soccorritori dalle indicazioni finora venute da congiunti di persone che erano all'interno del resort. 

00.55 - Arrivano altre voci da sotto le macerie dell'hotel Rigopiano, diverse da quelle delle 5 persone già individuate da ore, ma ancora da recuperare. Lo riferiscono soccorritori impegnati nelle operazioni che proseguiranno senza sosta per tutta la notte. Le voci però non sono state ancora localizzate nella struttura. 

23.25 - Il Prefetto di Pescara, Francesco Provolo: "C'è una sesta persona che stiamo recuperando". Il sesto sopravvissuto che però si troverebbe in un punto diverso dell'albergo rispetto alle altre 4 ugualmente individuate e con le quali i soccorritori sono in contatto da ore. "E' presto per dire se effettivamente i cinque siano vicini tra loro o qualcuno sia un po' più distante" avverte un soccorritore.

23.21 - Il piccolo Edoardo Di Carlo ai soccorritori: "Cosa è successo? Quanto tempo è passato? Stavo giocando a biliardo". Poi ha aggiunto: "Ero al biliardo con altri due bambini, e che nella stessa stanza c'era la mamma di uno di loro".

23.00 - La Prefettura ha reso noti i nomi dei superstiti non ancora estratti. Tra loro si è appreso c'è Giampaolo Matrone, 34enne di Monterotondo. Ci sono anche Giorgia Galassi e Vincenzo Forti, coppia originaria di Giulianova, in provincia di Teramo. Francesca Bronzi e Stefano Feniello, di Silvi Marina, provincia di Teramo..

20.59 - I piccoli sopravvissuti sono arrivati a Penne a bordo di ambulanze e poco fa sono partiti in elicottero (FOTO) per Pescara.

20.11 - Tra i bambi salvati c'è Ludovica Parete, figlia del cuoco, Giampiero, sopravvissuto fin dal primo momento alla tragedia. Questa mattina erano stati estratti vivi la moglie Adriana e l'altro figlio, Gianfilippo, di Parete: la famiglia si è così ricomposta. La mamma: "Non ci credevamo più".

20.06 - Uno dei tre bambini estratti nel pomeriggio dalle macerie dell'hotel Rigopiano è Edoardo Di Carlo, che era nell'albergo con i genitori Sebastiano e Nadia.

19.53 - Charlie Hebdo, vignetta choc sull'hotel Rigopiano.

19.50 - Curcio: 5 superstiti tirati fuori, altri 5 ancora da estrarre.

19.12 - Tre i superstiti giunti all'ospedale di Pescara, altri sono in arrivo. 

19.10 - Contestazione dei parenti dei dispersi di Rigopiano durante la conferenza stampa per fare il punto sulla situazione medica dei superstiti ricoverati a Pescara. I familiari hanno urlato pretendendo informazioni sui loro congiunti. "Sono sotto otto metri di neve e sono 50 ore che aspettiamo. Vergogna". Il personale sanitario ha cercato di tranquillizzarli, spiegando che gli operatori conoscono solo i nomi delle persone già arrivate in ospedale.

18.51 - Tutti i bambini presenti nell'Hotel Rigopiano dovrebbero essere in salvo. 

18.33 - Estratti vivi 3 bambini, si tratterebbe del gruppo di persone individuato per ultimo. 

18.10 - I vigili del fuoco confermano: "8 persone ancora da salvare".

17.22 - Sono in tutto 10 le persone individuate, 2 quelle estratte dalle macerie. Lo riferiscono i vigili del fuoco. 

17.06 - Sta bene il figlio di Giampiero Parete, Gianfilippo: "scherza e ride" sul letto dell'ospedale. Lo si apprende da fonti sanitarie. 

16.47 - I soccorritori sono entrati in contatto e stanno parlando con altre tre persone.

16.15 - Individuato e raggiunto il settimo superstite. 

15.59 - Identificata una delle vittime recuperate ieri: è Alessandro Giancaterino. Lo confermano fonti qualificate. Il riconoscimento del corpo è stato effettuato. Giancaterino era il fratello dell'ex sindaco di Farindola (Pescara), ed era il capo cameriere del resort.

15.58 -  Luca Cari, responsabile dei vigili del Fuoco: "Stiamo raggiungendo un'altra persona".

15.55 - I vigili del fuoco: "La slavina non è sotto controllo". Il rischio è che la valanga inizi a slittare verso valle. 

15.50 - "Si sentono voci da sotto l'hotel che fanno intendere che ci sono altre persone in vita sotto la struttura". Così il sindaco di Farindola, Ilario Lacchetta. 

15.17 - Salvo anche il piccolo Samuele Di Michelangelo, restano dispersi i genitori Domenico Di Michelangelo e la moglie Marina Serraiocco.

15.13 - Sono la moglie e il figlio di Giampiero Parete, le due persone già arrivate all'ospedale di Pescara

15.11 - Individuati altri in vita. "Forse 5".

DRONE_20020395_170106

15.06 - Secondo fonti sanitarie un adulto e un minore sono arrivati all'ospedale di Pescara

14.35 - Diversamente da quanto detto in precedenza, sono sei le persone ancora in vita individuate tra le macerie. Una mamma e il suo bambino sono stati già recuperati. Il salvataggio degli altri quattro è ancora in corso

14.27 - La donna trovata salvata con un figlio (e non con una bambina, come si era detto inizialmente) è la moglie di Giampiero Parete, il sopravvissuto alla slavina che ha lanciato per primo l'allarme. La donna ha detto ai soccorritori che la figlia è ancora nella stanza accanto

13.57 - Ci sono speranze di trovare altre persone vive. "Potrebbero esserci altre sacche d'aria", ha detto il vice brigadiere della Finanza, Marco Bini

image

13.55 - I sopravvissuti sono stati messi in salvo in due interventi diversi: prima sei persone, poi altre 2  

13.48 - Estratti tutti i superstiti.

13.43 - SCHEDA - Rigopiano, chi sono i superstiti

13.32 - All'arrivo dei soccorritori "madre e figlia sono rimaste senza parole".

13.31 - I sopravvissuti "erano felicissimi del nostro arrivo". Stando a quanto si apprende, in queste 42 ore gli uomini e le donne hanno trovato in cucina qualcosa da mangiare

VIGILI_20015134_143148

13.28 - Per restare vivi, i superstiti hanno acceso il fuoco. I soccorritori hanno raccontato che si sentiva puzza e c'era fumo che usciva. Si trovavano tutti nel vano cucina.

13.10 - La protezione civile: "Speranza di trovare altri vivi"

12.56 - Sono otto le persone trovate vive sotto le macerie dell'hotel Rigopiano. Tra di loro ci sono due bambini

12.47 - Estratte vive una donna e una bambina. Sono state ritrovate sotto un solaio di un locale cucina del resort. Secondo quanto appreso da fonti dei vigili del fuoco sono in condizioni di salute non preoccupanti

12.36 - Ha sei anni la bambina trovata viva sotto le macerie dell'hotel Rigopiano. Potrebbe trattarsi della figlia di Giampiero Parete, il sopravvissuto che ha lanciato per primo l'allarme

12.16 - Fonti ospedaliere confermano che l'Ospedale di Pescara è pronto ad accogliere e soccorrere i sei superstiti rinvenute sotto la valanga

12.13 - Secondo quanto riportato dal viceministro dell'Interno Filippo Bubbico tra i 6 sopravvissuti c'è anche una bambina

12.11 - Gioia e apprensione all'ospedale di Penne, dove sono riuniti decine di parenti dei dispersi, con l'assistenza di medici e psicologi. La notizia del ritrovamento di alcune persone vive scuote l'angoscia dei familiari

11.57 - Sorvolano la zona dell'hotel due elicotteri, uno della Guardia Costiera con a bordo personale del 118, e uno dei Vigili del Fuoco, in attesa che da terra diano indicazioni per far scendere i medici e dare soccorso ai sei superstiti. È probabile che i sopravvissuti, dopo la primissima assistenza, siano trasferiti in ospedale con gli stessi elicotteri.

11.47 - I sopravvissuti sono sotto un solaio. I vigili del fuoco ci stanno parlando.

11.34 - "Individuate sei persone vive tra le macerie". A trovarle i vigili del fuoco.

11.18 - "Smentisco quanto riportato da alcune fonti: non ci sono altri ritrovamenti di vittime oltre le due di ieri. Ci sono solo le due di ieri e nemmeno altri corpi individuati". Lo dice il presidente del Soccorso alpino e speleologico del Piemonte, Luca Giaj Arcota

I DISPERSI - Tra i sopravvissuti c'è la moglie di Giampiero Parete, il primo a lanciare l'allarme perché scampato alla slavina. Con lei è stato estratto vivo il figlio. Tra i dispersi (FOTO) rimasti intrappolati sotto la macerie c'è famiglia di Osimo, il figlio Samuele è stato estratto vivo, mancano i genitori. Nessuna notizia invece del 30enne di Pioraco (Macerata) e della una coppia di Castignano (Ascoli Piceno). Tra gli altri ospiti del resort sei sono della provincia di Teramo, altri quattro provengono dalla provincia di Chieti.

i dispersi (FOTO)

Il dramma dell'hotel Rigopiano, grafico (Ansa)

  "Gli ospiti erano pronti a lasciare l'albergo, lo spazzaneve ha ritardato"

image

Hotel Rigopiano, da paradiso incontaminato a inferno di ghiaccio

image

L'INCHIESTA - Mentre si intensificano le operazioni di soccorso, arrivano i primi passi ufficiali nell'indagine della Procura di Pescara sulla tragedia. Sul caso è stato aperto un fasciolo per omicidio colposo e in mattinata i carabinieri forestali si sono presentati in Provincia per acquisire diversi documenti: tutte le carte relative ai piani di emergenza e soccorso dell'area Vestina, da Penne verso la montagna, predisposte e attuate dalla Provincia. Richieste, movimenti, organizzazione di spalaneve, turbine, richieste di soccorso e quanto riguarda la viabilità di quella zona. "Gli accertamenti serviranno a capire eventuali responsabilità, se queste persone che stavano lì al momento della valanga, ci stavano per condotte omissive o imprudenti", ha spiegato il procuratore di Pescara Cristina Tedeschini. "Le richieste di aiuto, fatte prima che arrivasse la valanga - aggiunge - evidentemente non sono state evase. Dovremo capire quando sono state fatte, chi le ha ricevute, così stiamo costruendo l'indagine. Ed è un'indagine nella quale questa procura vuole dare il massimo".