1 mar 2022

Ucraina, l'errore di Putin. "Così rischia un colpo di Stato"

Calzini (John Hopkins) demolisce lo zar: "Ha sbagliato e ora non sa cosa fare"

giovanni serafini
Cronaca
featured image
Arresti seriali nelle manifestazioni di piazza contro l’invasione dell’Ucraina (Ansa)

"L’attacco di Putin all’Ucraina è peggio di un crimine, è un errore. Avevamo di lui la visione di un cinico calcolatore abituato a vincere, ma adesso constatiamo che si trattava di una visione deformata: ha sbagliato strategia, si è messo nell’angolo, è in difficoltà sul piano interno e internazionale. Il periodo d’oro è terminato". Parla Paolo Calzini, Senior Associate Fellow presso la Johns Hopkins University di Bologna, docente di relazioni internazionali e studi russi a Washington, Colonia, Mosca. Ucraina Russia news Professore, qual è il principale errore di Vladimir Putin? "Aver lanciato il suo esercito in una guerra fratricida. Cercare di convincere l’Ucraina a restare neutrale ricorrendo all’uso della forza è un controsenso. Le due società, russa e ucraina, sono fortemente compenetrate fra loro. Putin ha mandato i carri armati contro un paese storicamente fratello: più questa guerra si prolunga nel tempo, peggio sarà per lui". "Terza guerra mondiale sarà nucleare". Mosca insiste e fa volare jet sulla Svezia Sul piano interno potrebbe scatenarsi una rivolta? "La popolazione russa è in ansia perché sono i suoi figli, sono i suoi ragazzi che sono stati mandati al fronte. Come reagirà quando le bare dei caduti torneranno in patria, ammesso che tornino, e che le autorità politiche e militari le lascino vedere? Come impedire che la resistenza ucraina, che Putin probabilmente non si aspettava, diventi mito agli occhi della gente?". Che impatto avranno le proteste puntualmente represse? "Sono manifestazioni limitate, ma ormai il malessere dilaga a più livelli: so per esempio di un forte dissenso da parte degli scienziati dell’Academy of Science, che sono contrari alla guerra. Che effetto avranno sul piano quotidiano la caduta del rublo, l’impossibilità di viaggiare, le sanzioni? Non voglio fare paragoni azzardati, ma c’è il precedente dell’Afghanistan: l’alto numero di vittime pesò sulla decisione del Cremlino di ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?