Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
25 gen 2022

Guida e vota: l’urna è un drive in Ma la liturgia scalda solo i peones

In una Capitale distratta, la novità è il gazebo per i positivi al Covid. La No vax Cunial viene esclusa

25 gen 2022
giovanni rossi
Cronaca

di Giovanni Rossi La Capitale non si commuove. Allenata dalla storia a digerire tutto – se necessario persino i sampietrini – Roma vive la prima giornata della scalata al Quirinale con sguardo cinico e distratto, sotto un cielo terso e ventoso che invita a divagare. Grazie a legioni di agenti – qua la polizia, lì i carabinieri, là i baschi verdi della guardia di finanza – ogni accesso al Parlamento è rigorosamente blindato, tranne ai votanti, che arrivano alla spicciolata, e agli operatori media, che invece presidiano la scena in massa, a caccia di dichiarazioni – hai visto mai? – di improvvisa svolta politica. Da piazza Sant’Eustachio a piazza San Lorenzo in Lucina, le telecamere monitorano il centro in cerca di azioni e reazioni. Due operai di un’impresa telefonica alzano il cellulare per un selfie: ecco Daniela Santanché (Fd’I), seduta da Giolitti con mantella sportiva e senza mascherina. Ecco Rocco Casalino, ex portavoce di Giuseppe Conte, strisciare lungo la parete opposta con falcata mimetica stile ’tanto non mi fermo’ (e – mala tempora currunt – in effetti nessuno lo ’sollecita’). Anche perché la stazza di Giovanni Toti, presidente della Liguria con cospicuo codazzo di apparato, fende la scena e assorbe corpose inquadrature, mentre a un centinaio di metri il sodale adriatico Luigi Brugnaro, sindaco di Venezia, arringa le comuni truppe di Coraggio Italia sorseggiando un caffè all’Emporio di Sant’Eustachio, in tavolo da sette rigorosamente all’aperto. Guido, il gestore del locale, sa chi sta servendo? Probabilmente no. Domanda commerciale: più o meno caffè, oggi, per votare il nuovo presidente? "Tutto come sempre, stessi numeri", biascica con una smorfia che un esperto di cinesica tradurrebbe in voglia di nuovi ristori. Sì, le vie attorno ai palazzi del potere sono parecchio spente. Daniele, accarezzando Rocco e Sciusciù acciambellati a suoi piedi, mostra il barattolo ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?