Un’elaborazione di SpaceX sulla Luna
Un’elaborazione di SpaceX sulla Luna
Jeff Bezos e Elon Musk, i due uomini più ricchi al mondo, sognano lo spazio e litigano sulla Luna. Blue Origin del patron di Amazon presenta un reclamo di 50 pagine contro la decisione della Nasa di assegnare a SpaceX del miliardario visionario di Tesla un contratto per la costruzione di un veicolo spaziale per...

Jeff Bezos e Elon Musk, i due uomini più ricchi al mondo, sognano lo spazio e litigano sulla Luna. Blue Origin del patron di Amazon presenta un reclamo di 50 pagine contro la decisione della Nasa di assegnare a SpaceX del miliardario visionario di Tesla un contratto per la costruzione di un veicolo spaziale per il ritorno degli astronauti americani sulla luna. La Nasa nelle scorse settimane ha dichiarato SpaceX la vincitrice unica della gara da 2,9 miliardi di dollari. Una decisione, è l’accusa di Blue Origin, basata su "valutazioni errate delle offerte": i vantaggi della proposta della società di Bezos sono infatti stati sottovalutati mentre le difficoltà tecniche per SpaceX sono state minimizzate. "È strano per la Nasa commettere questo tipo di errori", afferma Bob Smith, numero uno di Blue Origin, notando come l’agenzia spaziale avrebbe dovuto assegnare la commessa a due società, come sempre fatto in passato, e non avrebbe dovuto decidere in base al prezzo. SpaceX non commenta ma in un tweet indirizzato al New York Times, Musk taglia corto: Blue Origin non è ancora mai neanche arrivata in orbita.

La vittoria di SpaceX è un duro colpo per Blue Origin e un imbarazzo per Bezos, coinvolto in prima persona nel progetto. E mostra come le ‘guerre stellari’ fra i due paperoni mondiali sono solo all’inizio. Oltre allo schiaffo della Nasa, le autorità americane hanno anche concesso a Musk l’autorizzazione per far muovere i suoi satelliti Internet a una altitudine inferiore rispetto a quella pianificata. Una mossa alla quale Blue Origin e altre società si sono opposte.