di Giovanni Rossi Parte dal Lazio il contrattacco al Covid. Oggi, ad Anguillara Sabazia, sulle sponde del lago di Bracciano, gli iscritti al liceo scientifico ’Vian’ saranno i primi studenti italiani a poter effettuare il tampone antigenico negli spazi appositamente allestiti dall’Asl 4. Una prima assoluta in ambito nazionale. Però destinata a diventare la norma, come annuncia alla Camera il ministro della Salute Roberto Speranza: "Ancora per alcuni mesi dovremo assolutamente resistere – spiega il ministro – e il tema dei test è assolutamente strategico". Dopo i test negli aeroporti ai passeggeri rientranti dai Paesi maggiormente colpiti dal Covid, l’impegno "nelle scuole va esattamente in questa direzione". Con...

di Giovanni Rossi

Parte dal Lazio il contrattacco al Covid. Oggi, ad Anguillara Sabazia, sulle sponde del lago di Bracciano, gli iscritti al liceo scientifico ’Vian’ saranno i primi studenti italiani a poter effettuare il tampone antigenico negli spazi appositamente allestiti dall’Asl 4. Una prima assoluta in ambito nazionale. Però destinata a diventare la norma, come annuncia alla Camera il ministro della Salute Roberto Speranza: "Ancora per alcuni mesi dovremo assolutamente resistere – spiega il ministro – e il tema dei test è assolutamente strategico". Dopo i test negli aeroporti ai passeggeri rientranti dai Paesi maggiormente colpiti dal Covid, l’impegno "nelle scuole va esattamente in questa direzione". Con una novità promettente destinata ai più giovani: "La possibilità di riscontrare il virus semplicemente attraverso l’analisi della saliva in modo non invasivo". Alla svolta manca poco: solo "che il processo di validazione possa concludersi", è il pubblico auspicio.

Il bollettino di giornata conferma la tendenza di periodo. I nuovi contagi risalgono, a quota 1.640 (+248), effetto naturale dell’incremento dei tamponi che risuperano la soglia dei 100mila (103.696, +16.393). Venti i decessi nelle 24 ore (+6). I pazienti attualmente positivi sono 46.114 (+625): 43.212 in isolamento domiciliare (+566), 2.658 ricoverati con sintomi (+54), 244 in terapia intensiva (+5). I guariti di giornata sono 995. La regione con più contagi è la Campania (248), seguita da Lombardia (196) e Lazio (195).

Il governo lavora al rafforzamento del sistema sanitario. In applicazione del Dl Rilancio, il ministro degli Affari regionali Francesco Boccia illustra e discute con le Regioni il piano per il potenziamento della rete ospedaliera. A bilancio per il 2020 ci sono 1,5 miliardi: 54 milioni saranno impegnati per 4 strutture mobili – ciascuna da 75 posti – da dislocare in caso di emergenza in aree già individuate di ogni regione. Tocca ai governatori presentare nuovi piani per i territori, poi l’attuazione spetterà al commissario per l’emergenza Domenico Arcuri. Resta invece ancora nel limbo la decisione su una maggiore apertura degli stadi: "Sino a un terzo della capienza", immagina il viceministro della Salute Pierpaolo Sileri. Speranza e il Cts restano del tutto contrari.

Intanto nel mondo e in Europa il Covid continua a galoppare a velocità allarmante. Nessun Paese appare al riparo, neppure la Germania (duemila i contagi di giornata con tendenza al rialzo). "La pandemia scatterà seriamente soltanto adesso", prevede Christian Drosten, virologo dell’ospedale Charité. Lo stesso ministro degli Esteri Heiko Maas è costretto all’autoisolamento dopo la positività di una guardia del corpo.

Storia analoga in Francia, dove Alexandre Benalla, il 29enne ex bodyguard di Emmanuel Macron – immortalato durante atti di violenza contro manifestanti nel 2018 in Place de la Contrescarpe – è ricoverato in rianimazione. Macron è preoccupato per Parigi, dove il tasso di incidenza del virus tocca i 204 casi ogni 100mila persone, peggio di Lione e Marsiglia. Tra le contromisure stabilite dalle autorità spiccano il divieto di vendita di alcol dopo le 20, il limite di assembramento a 10 persone e quello di partecipazione ai grandi eventi che scende a un massimo di mille spettatori (da 5mila). Ancora più esplosiva la situazione in Spagna con mille contagi ogni 100mila abitanti. Sei quartieri e sette sobborghi di Madrid sono in stretto lockdown. Mancano 200 medici. Infine, in Gran Bretagna (ieri 6mila contagi), il governo rinvia la legge finanziaria per impossibilità di stilare piani a lungo termine. Meglio aspettare.