Una dose di vaccino Sputnik (Ansa)
Una dose di vaccino Sputnik (Ansa)

Roma, 20 ottobre 2021 - Il Green pass anche per i vaccinati con lo Sputnik? In Italia la discussione è aperta, e la Commissione europea chiarisce: "Il riconoscimento dei vaccini per il Certificato Covid digitale (il certificato verde, ndr) è materia degli Stati membri. Sono obbligati a riconoscere tutti i vaccini autorizzati nell'Ue ma hanno facoltà di riconoscere anche altri vaccini".

Covid Italia oggi: bollettino del 20 ottobre. Dati dalle regioni

Covid, Russia: nuovo record di morti. Attività lavorative chiuse per 9 giorni

Da qui la domanda perchè il Green pass per i sammarinesi, immunizzati con il vaccino russo, e non per le badanti dell'Est Europa vaccinate con lo stesso siero?. La questione è stata posta da Fnp Cisl, Federazione nazionale pensionati della Cisl, in merito alla decisione del governo di prorogare fino alla fine del 2021 la validità del pass vaccinale per i cittadini di San Marino vaccinati con lo Sputnik.  

"Due pesi e due misure?" si chiede la Federazione dei Pensionati della Cisl: "Perchè non si è data la possibilità di continuare a lavorare anche alle badanti e colf vaccinate, provenienti dai Paesi dell'Est, senza ritenerle in difetto e/o obbligandole a dover lasciare l'abitazione presso la quale svolgono le proprie mansioni perchè non in possesso del certificato verde? Poichè ricevere subito un altro vaccino è clinicamente improponibile, per poter continuare a lavorare senza incorrere in multe e sanzioni queste badanti sono costrette a fare il tampone rapido ogni due giorni, pagandolo di tasca propria o magari scaricandolo alla famiglia/persona già oberata di costi". 

La Fnp Cisl conclude: "E' per questo che ci appelliamo ancora una volta al Governo e al Ministero della Salute affinchè intervenga con coerenza su questo tema, né più e né meno di come fatto per i cittadini di San Marino, riconoscendo la validità dell'immunizzazione avvenuta con lo Sputnik al fine di garantire a molte famiglie e anziani la continuità del sostegno e dell'aiuto di queste lavoratrici oramai diventate indispensabili".