7 feb 2022

Green pass, mascherine e quarantena: le nuove regole Covid e cosa cambierà a breve

Scuola, meno dad: in vigore le nuove norme. Cosa è cambiato per i contatti non vaccinati di persone positive. Isolamento per gli asinomatici: novità in arrivo?

Roma, 7 febbraio 2022 - Regole anti Covid: si cambia. Con il progressivo calo dei contagi (qui i dati di oggi) e la pressione sugli ospedali che si smorza, si allentano anche le restrizioni per contenere l'epidemia. Si parte oggi, lunedì 7 febbraio, con le prime novità che coinvolgono scuola e green pass. Nel breve periodo, parliamo del mese di febbraio, le liberalizzazioni riguarderanno anche mascherine e discoteche. Marzo è invece il mese in cui scadrà il decreto che sancisce lo stato di emergenza (il 31). Su un'eventuale proroga c'è ancora un punto interrogativo. Cosa implicherebbe la fine dello stato di emergenza è ancora tutto da chiarire. 

Mascherine all'aperto, discoteche, Green pass: la road map verso la normalità

Green pass: svolta in arrivo. Cosa può cambiare e il nodo 31 marzo

Covid oggi in Italia: i dati del 10 febbraio 2022. Bollettino regione per regione

Covid, regole meno severe
Covid, regole meno severe

Via le restrizioni, il calendario del ritorno alla normalità

Sommario

 

Dad a scuola, cosa è cambiato 

Da oggi sono in vigore nuove regole in caso di positivi in classe: si riducono le quarantene, cambiano anche i criteri, in senso meno rigido, per andare in Dad. Importante: il governo ha specificato che le nuove norme si applicano anche ai provvedimenti in corso. 

Nei nidi e nelle scuole materne fino a quattro casi di positività nella stessa sezione/gruppo classe, l'attività educativa e didattica prosegue in presenza per tutti. Per docenti e educatori è obbligatorio l'uso di mascherine ffp2 da parte dei docenti e degli educatori fino al decimo giorno successivo alla conoscenza dell'ultimo caso di positività. In caso di comparsa di sintomi, è obbligatorio effettuare un test antigenico (anche fai da te) o un test molecolare. Se si è ancora sintomatici, il test va ripetuto al quinto giorno successivo alla data dell'ultimo contatto. A partire dal quinto caso, l'attività in presenza è sospesa per tutti per cinque giorni. 

Alle elementari, fino a quattro casi di positività nella stessa classe le attività proseguono per tutti in presenza con l'utilizzo di mascherine ffp2 (sia nel caso dei docenti che degli alunni sopra i 6 anni) fino al decimo giorno successivo alla conoscenza dell'ultimo caso di positività. In caso di comparsa di sintomi, è obbligatorio effettuare un test antigenico (anche fai da te) o un molecolare. Se si è ancora sintomatici, il test va ripetuto al quinto giorno successivo alla data dell'ultimo contatto.

A partire dal quinto caso di positività in classe scattano 5 giorni di dad (ora ddi, didattica digitale integrata) ma solo per i non vaccinati. I vaccinati e i guariti da meno di 120 giorni o dopo il ciclo vaccinale primario, i vaccinati con dose di richiamo e gli esenti dalla vaccinazione proseguono l'attività in presenza con l'utilizzo della mascherina ffp2 (sia nel caso dei docenti che degli alunni sopra i 6 anni) fino al decimo giorno successivo alla conoscenza dell'ultimo caso di positività. 

Alle medie e alle superiori con un positivo in classe, la didattica in presenza prosegue con l'obbligo di mascherine ffp2. Con due casi i ragazzi non vaccinati vanno in dad solo per 5 giorni, gli altri proseguono l'attività in presenza con l'utilizzo di mascherine ffp2. 

Positivi a scuola: quarantena o autosorveglianza?

Nei servizi educativi per l'infanzia, nella scuola dell'infanzia e nella scuola primaria, da cinque positivi in su per classe, ragazzi, (o bambini) docenti (o educatori) saranno tenuti all'autosorveglianza di 5 giorni. Questo nel caso siano vaccinati o guariti da meno di 120 giorni, altrimenti scatta la quarantena di 5 giorni. Per i successivi cinque giorni dopo il rientro dalla quarantena gli studenti dai 6 anni in su indossano la mascherina ffp2. Nella scuola secondaria di I e II grado, autosorveglianza e quarantena scattano dal secondo caso positivo. 

Green pass illimitato da oggi

Sempre da oggi, lunedì 7 febbraio, è in vigore il decreto che toglie la scadenza al green pass rafforzato per chi è vaccinato con booster o per chi è guarito e ha ricevuto due dosi. Continuerà invece ad avere durata sei mesi il super green pass di chi ha completato solo il ciclo primario (due dosi) o di chi è guarito ma non è vaccinato almeno con due dosi. 

Green pass illimitato: come scaricarlo

Sistema dei colori, cosa cambia 

Resta invariato il sistema per fasce colorate e i criteri con cui una regione passa da un colore all'altro. Le restrizioni specifiche della zona rossa però, a partire da oggi, lunedì 7 febbraio, si applicheranno solo ai non vaccinati. 

Allungando lo sguardo da qui a pochi giorni, ci sono altre novità in vista. 

Riaprono le discoteche

Il 10 febbraio scade il provvedimento che chiudeva le discoteche e vietava concerti e feste all'aperto. Da quanto spiega oggi il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri, la misura non sarà prorogata. Dal giorno 11 dunque riaprono le discoteche con obbligo di mascherina ma solo quando non si balla. 

Mascherine all'aperto: via l'obbligo. Quando? 

Sciolta definitvamente anche la questione mascherine all'aperto. Dall'11 febbraio cessa l'obbligo di portare la mascherina all'aperto e sarà in tutte le regioni, non solo in zona bianca.  "Senza dubbio siamo tutti stanchi della mascherina all'aperto. Da metà febbraio così come riapriranno anche alcune attività, come le discoteche ad esempio, le toglieremo quelle all'aperto di mascherine", dice Sileri. E il sottosegretario Andrea Costa precisa: "Il provvedimento toglierà le mascherine all'aperto su tutto il territorio nazionale e senza distinzione di colore". Al chiuso invece la mascherina "dovrà rimanere - spiega Sileri - Ci sarà una transizione, ma poi le toglieremo anche al chiuso".

Quarantene e isolamento più soft? 

Le recenti norme hanno reso meno rigidi isolamento (in caso di positività) e quarantena (per i contatti stretti di positivi), allentando le maglie per chi è vaccinato con booster o guarito dopo due dosi. Già in vigore la norma, contenuta in una circolare del ministero della Salute, in cui viene dimezzata (da 10 a 5 giorni) la quarantena per i non vaccinati asintomatici, "con test antigenico o molecolare negativo all'uscita" e l'obbligo di usare la mascherina ffp2 per i successivi 5 giorni. 

Quarantena con terza dose: cosa fare se positivi o in caso di contatto stretto

Ci sono novità che vanno nel senso di un'ulteriore libertà? Al momento niente di concreto. Il sottosegretario Sileri apre uno spiraglio su un isolamento più soft per i soggetti positivi ma senza sintomi. "Quando i numeri dei ricoverati e dell’occupazione delle terapie intensive ce lo consentiranno, e ci vorranno ancora alcune settimane, anche le persone positive asintomatiche potranno tornare a fare una vita normale, pur mantenendo per qualche giorno accortezze quali la mascherina Ffp2 e il rispetto del distanziamento". 

Quarantena Covid se positivo: quanto dura, da che giorno e quali tamponi fare

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?