Green pass (Ansa)
Green pass (Ansa)

Roma, 27 agosto 2021 -  Nel giorno in cui il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha firmato l'ordinanza che sancisce il passaggio della Sicilia in zona gialla (qui le regole), il Cts (Comitato tecnico scientifico) ha dato il via libera all'estensione del green pass fino a 12 mesi. Attualmente il certificato verde è valido nove mesi - dalla data del completamento del ciclo vaccinale -, e, se il via libera dell'organismo del Ministero della salute diveterà norma, si passerà quindi al prolungamento di un anno. 

Matteo Bassetti inseguito e minacciato da no vax

Green pass sui treni, i no vax: "Blocchiamo le stazioni di 54 città"

Ma, in attesa che dal primo settembre il certificato diventi obbligatorio anche per gli operatori scolastici (professori e personale Ata) e per i trasporti a lunga percorrenza (navi, aerei e treni), oltre che per le attività come bar e ristoranti per cui l'obbligo è già in vigore, resta comunque ancora scoperto il nodo dei guariti, ovvero coloro che hanno preso il Covid e si sono sottoposti, come di prassi, a una sola dose di vaccino e così si vedono negare il lasciapassare. E il caso di chi si ammala - o diventa comunque positivo - dopo aver fatto la prima dose, come ha evidenziato Guido Marinoni, presidente dell’Ordine medici di Bergamo e componente del comitato centrale Fnomceo: “In questo caso mi viene dato un Green pass che ha una validità di 6 mesi, a partire dalla guarigione - ha spiegato -. Trascorso questo periodo vado al centro vaccinale e chiedo di completare il ciclo. Ma le linee guida Aifa stabiliscono che chi ha contratto il Covid non deve fare la seconda dose. Solo che il Green pass, trascorsi 6 mesi, non si rigenera”.
Questioni, come anche quella accesa sulla terza dose di vaccino, a cui il governo si dovrà apprestare a dare risposta a breve. 

Green pass: come scaricarlo / I falsi: come riconoscerli

Cosa cambia da settembre

Dalla prossima settimana bisognerà esibire la certificazione verde per viaggiare sui treni e bus a lunga percorrenza, sulle navi e sugli aerei. Si potrà salire a bordo soltanto con il certificato che attesta la prima dose di vaccino fatta almeno 15 giorni prima, la guarigione dal Covid 19 nei sei mesi precedenti, l’esito negativo di un tampone molecolare, antigenico o salivare nelle precedenti 48 ore.
Docenti e personale della scuola potranno lavorare soltanto se dimostreranno di essere immunizzati, guariti dal Covid-19 o negativi al tampone. Mentre per i professori e gli studenti universitari l’obbligo è scattato già dal 6 agosto.
Le sanzioni sono severe: "Il mancato rispetto delle disposizioni è considerato assenza ingiustificata e a decorrere dal quinto giorno di assenza il rapporto di lavoro è sospeso e non sono dovuti la retribuzione". I cittadini che non hanno il Green pass rischiano invece la multa fino a 400 euro. E rischiano grosso anche gli esercenti: dopo due violazioni in giornate diverse si applica "a partire dalla terza violazione, la sanzione amministrativa accessoria della chiusura da uno a dieci giorni".

Ue: verso divieto viaggi per non vaccinati Usa

Intanto, si va verso il divieto di viaggi in Ue per non gli americani non vaccinati. La presidenza di turno slovena dell'Ue ha avviato la procedura di revisione della lista dei Paesi che possono viaggiare verso l'Ue, proponendo il divieto di viaggi nell'Unione per i cittadini non vaccinati di Stati Uniti, Israele, Montenegro, Kosovo, Nord Macedonia e Libano. La procedura scritta scadrà lunedì alle 14: se nessuno dei 27 Stati membri di qui ad allora avrà obiezioni, il divieto diventerà effettivo.

Dati Iss sulle vaccinazioni

I vaccini in Italia, nel periodo 4 aprile - 22 agosto, hanno dimostrato un'efficacia del 97,4% nel prevenire i decessi (rispetto ai non vaccinati) e del 94,6% per le terapie intensive per quanto riguarda le persone nella fascia di età 60-79 anni. L'efficacia sale rispettivamente al 97,1 e al 96,48 per gli over 80. E' quanto segnala l'Istituto Superiore di Sanità nei dati aggiornati sull'efficacia vaccinale. L'efficacia contro i ricoveri è del 95% per i 60-79enni e del 94,5 per gli over 80.