Dopo una Odissea di 17 mesi seguita dai media internazionali, il branco di elefanti erranti allontanatisi mesi fa per motivi tuttora ignoti da una riserva naturale dello Yunnan, in Cina, ha finalmente preso la strada di casa. I 14 esemplari di varie dimensioni ed età, assistiti da 410 soccorritori, 374 veicoli e 14 droni con più di due tonnellate di cibo, sono stati guidati attraverso il fiume Yuanjiang rientrando nello Yunnan e presto raggiungeranno la loro riserva naturale nella prefettura autonoma di Xishuangbanna Dai. Il ritorno degli elefanti completa un vagabondaggio di oltre 500 chilometri durante il quale sono anche nati dei piccoli. Nonostante siano stati tenuti lontani dalle aree residenziali da appositi addetti che li hanno seguiti con un drone per 24 ore al giorno, molti abitanti delle zone attraversate hanno lamentato danni e furti di cibo e acqua. Gli esperti di fauna selvatica locali non sono stati in grado di individuare il motivo per cui la mandria ha deciso di trasferirsi.