6 feb 2022

Giustizia, le toghe fanno quadrato "Non siamo noi a frenare le riforme"

L’Associazione nazionale magistrati si difende dopo le parole di Mattarella: la colpa è della politica. Nel mirino soprattutto la svolta sul Csm. Presto l’esame dei 400 emendamenti alla legge di Bonafede

giovanni rossi
Cronaca

di Giovanni Rossi Poi non date la colpa a noi – non è scritto così, ma questo è il senso – dove noi sta per l’Associazione nazionale magistrati. L’Anm è preoccupata che i ritardi nella riforma del Consiglio superiore della magistratura, l’organo di autogoverno della magistratura, comportino il mantenimento dell’attuale situazione a parole sgradita a tutti: categoria, politica, opinione pubblica. A luglio scade il Consiglio in carica, dunque c’è pochissimo tempo per evitare che si vada al rinnovo con le vecchie regole. Quelle stesse regole che esaltano e premiano i giochi correntizi: una dinamica che – sempre a parole – tutti fremono dalla voglia di modificare per restituire al Csm indipendenza e qualità d’azione dopo anni tormentati. "L’allarme" del segretario dell’Anm Giuseppe Santalucia suona forte e chiaro. Perché c’è la "forte e fondata" preoccupazione che la riforma non sia varata in tempo utile. E il momento della svolta coincide con quello della responsabilità. "A dispetto di qualche malevola voce, nessuno dentro l’Anm ha brigato e briga per il mantenimento dello status quo", puntualizza Santalucia. Anzi, evidenzia, "tutti abbiamo coscienza che il quadro normativo debba mutare" per non affidare la nuova composizione del Csm "ai medesimi meccanismi elettorali che hanno segnato periodi non felici". Ma è "la politica" che deve agire. La riforma del Csm e dell’ordinamento giudiziario è infatti il terzo punto del pacchetto di riforme, dopo quelle del processo penale e civile, propedeutiche al Pnrr. Per processo penale e civile la cornice è stata approvata, "le commissioni sono al lavoro" e "di questo passo, i lavori termineranno con largo anticipo rispetto alla scadenza di fine anno", assicura il sottosegretario Francesco Paolo Sisto. Il nodo Csm, alla luce della cogente tempistica di rinnovo dell’organismo, alimenta maggiori dubbi. Sono due gli interventi di riforma più attesi, quello sulle cosiddette porte-girevoli tra politica e magistratura ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?