Giuseppe Ciarrapico (Ansa)
Giuseppe Ciarrapico (Ansa)

Roma, 14 aprile 2019 - E' morto oggi Giuseppe Ciarrapico, aveva 85 anni. Imprenditore, politico ed ex presidente della Roma è deceduto questa mattina alle 7.40 nella clinica Quisisana di Roma dove era ricoverato per una grave malattia. 

Nato a Roma il 28 gennaio 1934 e soprannominato il 're delle acque minerali' per aver gestito le terme di Fiuggi a partire dagli anni Ottanta, Ciarrapico è anche stato un editore fondando i quotidiani locali 'Ciociaria Oggi' e 'Latina Oggi'. Per due stagioni (dal 1991 al 1993) è stato anche il presidente della A.S. Roma. 

Il suo nome però è anche legato numerose vicende della Prima Repubblica, ricoprendo la carica di senatore tra le file del Popolo della Libertà di Silvio Berlusconi dal 2008 al 2013. In gioventù è stato simpatizzante del fascismo, scelta mai rinnegata, scatenando anche molte polemiche per alcune sue dichiarazioni durante la sua stagione politica.

Ciarrapico ha anche svolto un ruolo rilevante nel lodo Mondadori: il suo intervento venne sollecitato da Carlo Caracciolo perché facesse da intermediario nello scontro giudiziario fra gli imprenditori Silvio Berlusconi e Carlo De Benedetti per il possesso della casa editrice Arnoldo Mondadori editori.

E' stato inoltre implicato in numerose vicende giudiziarie. La più nota delle quali è quella del crack del Banco Ambrosiano, per il quale è stato condannato in via definitiva per bancarotta fraudolenta. Ciarrapico è anche stato condannato per finanziamento illecito ai partiti e per ricettazione fallimentare per gli sviluppi della vicenda della 'Casina Valadier'.