I genitori dei due bambini uccisi ad Ardea
I genitori dei due bambini uccisi ad Ardea
Era una strage evitabile. Perché a compierla in una domenica afosa nella sonnacchiosa comunità di Colle Romito, quasi quaranta chilometri a sud di Roma, vicino ad Ardea, nella provincia romana che guarda a Latina, è stata il 35enne Andrea Pignani: una persona instabile, irascibile, litigiosa, forse malata di mente, che aveva un precedente per minacce nei confronti della madre, Rita Rossetti, e che nonostante questo aveva accesso a una pistola. Una Beretta 7.65. E infatti l’ha usata per ammazzare tre persone, tra le quali due bambini, e poi togliersi la vita. "A me per un po’ di droga mi tengono ai domiciliari – ha urlato Domenico Fusinato, padre dei due bambini uccisi – e questo con la pistola nessuno lo controllava, e guardate cosa ha fatto". Il killer è uscito di casa con guanti e pistola FOTO /  I soccorsi e...

Era una strage evitabile. Perché a compierla in una domenica afosa nella sonnacchiosa comunità di Colle Romito, quasi quaranta chilometri a sud di Roma, vicino ad Ardea, nella provincia romana che guarda a Latina, è stata il 35enne Andrea Pignani: una persona instabile, irascibile, litigiosa, forse malata di mente, che aveva un precedente per minacce nei confronti della madre, Rita Rossetti, e che nonostante questo aveva accesso a una pistola. Una Beretta 7.65. E infatti l’ha usata per ammazzare tre persone, tra le quali due bambini, e poi togliersi la vita. "A me per un po’ di droga mi tengono ai domiciliari – ha urlato Domenico Fusinato, padre dei due bambini uccisi – e questo con la pistola nessuno lo controllava, e guardate cosa ha fatto".

Il killer è uscito di casa con guanti e pistola

FOTO /  I soccorsi e l'arrivo delle forze speciali

Ingegnere informatico da tempo senza lavoro, Pignani vedeva montare dentro di sé giorno dopo giorno un oscuro malessere che divampava all’improvviso per poi tonare a nascondersi. "È una disgrazia, una disgrazia. Andrea era disoccupato da tempo – ha ricostruito la madre, Rita – era solo, isolato. Non aveva amici, non usciva mai, stava sempre nella sua stanza e non si curava. Quanto alla pistola era l’arma di mio marito, che era guardia giurata e che è scomparso nel novembre 2020, un anno dopo il nostro trasferimento qui. Quella pistola non l’abbiamo riconsegnata perché non sapevamo più dove fosse".

image

Andrea invece lo sapeva dove era, l’ha trovata e l’ha mostrata in giro alcune volte ai vicini, durante le frequenti liti, per intimidirli. Così almeno sostiene Romano Catino, il presidente del consorzio che si estende per 170 ettari.

"Quella famiglia – afferma Catini – è arrivata nell’ottobre 2019 e ha subito creato problemi. Ogni tanto Andrea Pignani litigava con i vicini, con pretesti futili. E pure con la madre pare i rapporti fossero difficili. Andava facilmente fuori di testa e spesso mi dicono che mostrava la pistola. Alcune volte ha anche esploso dei colpi in aria. Pensavamo fosse una scacciacani, fossero colpi a salve, e invece purtroppo era una pistola vera. La nostra vigilanza era stata allertata più volte, abbiamo un mucchio di segnalazioni dei vicini ed erano stati messi sull’avviso, con segnalazioni verbali, anche i carabinieri, che avranno fatto le loro verifiche. Io però mi chiedo perché quella persona aveva accesso ad una pistola".

Probabilmente perché formalmente non lo aveva e la pistola del padre era ufficialmente persa, ancorché non riconsegnata dopo il decesso. "Pignani – conferma il sindaco di Ardea, Mario Savarese – era una persona instabile, che aveva comportamenti ostili verso la comunità. Ma nessuno ha intuito che il suo disagio poteva portare a questo". I vicini raccontano che quando qualcuno si lamentava perché Argo, il cane di razza beagle della famiglia Pignani, abbaiava troppo a qualcuno che passava vicino al muro di cinta lui usciva, portando con sé la pistola, e inveiva profferendo minacce. Anche per questo tutti lo evitavano e ancora oggi, da morto, ne parlano quasi con timore.

Eppure l’unico precedente di polizia dell’uomo risale a maggio 2020: un’aggressione ai danni della madre, nella quale pare la minacciò con un coltello, in seguito alla quale fu portato in ospedale per un Tso e dove rimase però solo un giorno. Poi è tornato solo, rifiutando ogni aiuto psicologico. Pare che la ASL abbia tentato ma sia stata respinta. Sul perché sia definitivamente andato fuori di testa, nessuno è ancora in grado di saperlo. Ieri pomeriggio a Colle Romito circolava una storia che poteva spiegarlo.

"Mi dicono che in mattinata lui e il padre dei bambini avevano litigato per futili motivi – sostiene il presidente del consorzio, Romano Catini – ma non so se è vero". E infatti di questo non c’è conferma, a fare luce sarà l’inchiesta, ma per ora i carabinieri smentiscono "qualsiasi contatto tra l’omicida e la famiglia dei due bambini". Così dice anche il sindaco di Ardea: "Questa tragedia è ancora più terribile perché appare priva di motivazioni. Non c’è un perché, è solo la follia di un uomo che scoppia all’improvviso e si porta via con se tre vite".