Non solo asintomatici o paucisintomatici. I giovani, tra i quali si sta registrando un numero crescente di infezioni da SarsCoV2 nelle ultime settimane, mostrano sempre più spesso

anche sintomi seri

della malattia. Ciò è la conseguenza dell’aumento significativo di contagi in questa fascia d’età che, conseguentemente, determina anche una maggiore rilevazione percentuale di casi sintomatici gravi o di media gravità. È questo ciò che sta accadendo attualmente negli ospedali, come sostengono gli infettivologi,

mentre aumenta la preoccupazione per il diffondersi anche in Italia della variante Delta.