6 gen 2022

Covid, Gimbe: +153% di casi in 7 giorni. "Sanità in tilt"

Il monitoraggio settimanale della Fondazione: +28% dei ricoveri e 21,6% delle intensive. Gli attualmente positivi sono 1,2 milioni. "I vaccini ai bambini non decollano"

Roma, 6 gennaio 2022 - Un incremento del 153% di nuovi casi in una settimana; 1,26 milioni gli attualmente positivi e 63 Province con oltre 1.000 casi per 100 mila abitanti. E' quanto emerge dal monitoraggio di oggi della Fondazione Gimbe che, nella settimana dal 29 dicembre al 4 gennaio, registra un'impennata di nuovi casi (810.535 vs 320.269) e un ulteriore aumento dei decessi (1.102 vs 1.012). 

Approfondisci:

Quarantena con terza dose: cosa fare se positivi o in caso di contatto stretto

Approfondisci:

Cdm 5 gennaio. Obbligo vaccino per over 50. Servizi e negozi: basterà il Pass base

Ricoveri e terapie intensive

La "sanità territoriale va in tilt" e "sale anche la pressione sugli ospedali", con un +28% di ricoveri con sintomi (da 10.089 a 12.912) e +21,6% in terapia intensiva (da 1.145 a 1.392).

Il bollettino Covid del 6 gennaio 2022

La situazione nelle Province

Nella settimana dal 29 dicembre al 4 gennaio in tutte le Regioni si rileva un incremento percentuale dei nuovi casi di Covid-19: dal 66,8% della Liguria al 423,9% dell'Abruzzo. In 63 Province l'incidenza supera i 1.000 casi per 100.000 abitanti. Queste sono: Firenze (3.058), Lodi (2.747), Monza e della Brianza (2.677), Siena (2.631), Milano (2.538), Prato (2.503), Pisa (2.385), Rimini (2.315), Arezzo (2.275), Pavia (2.235), Pistoia (2.156), Lucca (2.136), Terni (2.079), Varese (2.049), Perugia (2.047), Como (2.005), Lecco (1.949), Cremona (1.879), Massa Carrara (1.780), Forlì-Cesena (1.769), Biella (1.740), Brescia (1.738), Bergamo (1.728), Vibo Valentia (1.723), Pescara (1.721), Ravenna (1.721), Chieti (1.715), Sondrio (1.651), Cuneo (1.642), Alessandria (1.626), Verbano-Cusio-Ossola (1.616), Teramo (1.585), Livorno (1.564), Trento (1.524), Treviso (1.524), Novara (1.512), Asti (1.498), Mantova (1.456), Verona (1.421), Napoli (1.420), Torino (1.395), Rovigo (1.384), Trieste (1.384), Vicenza (1.366), Venezia (1.344), Pordenone (1.308), Ferrara (1.294), Padova (1.283), Caserta (1.264), Vercelli (1.228), Rieti (1.216), Avellino (1.206), Bologna (1.203), Enna (1.192), Grosseto (1.180), Parma (1.142), Aosta (1.089), La Spezia (1.088), L'Aquila (1.080), Latina (1.028), Reggio nell'Emilia (1.020), Udine (1.010) e Piacenza (1.009). 

Vaccini

"Non decollano" le vaccinazioni anti-Covid in età pediatrica. Nella fascia tra 5 e 11 anni, in tre settimane, hanno raggiunto quota 401.532 somministrazioni. Al 5 gennaio (ore 7) sono state, invece, somministrate 20.977.634 terze dosi: in base alla platea ufficiale di circa 31 milioni di persone, il tasso di copertura nazionale per le terze dosi è del 67,7% ma con nette differenze regionali: dal 54,6% della Sicilia al 76,9% della Valle D'Aosta. 

Tamponi

Il numero dei tamponi è passato da 5.175.977 della settimana 22-28 dicembre a 6.487.127 del 29 dicembre-4 gennaio (+25,3%), per l'incremento sia dei rapidi (+23,9%) che dei molecolari (+28,8%). Impenna anche il tasso di positività: dal 28 dicembre al 4 gennaio la media è salita dal 2,8% all'8,2% per gli antigenici e dal 15% al 24% per i molecolari. "L'enorme aumento della circolazione virale - spiega il presidente Nino Cartabellotta - è dovuta sia al dilagare di omicron che per l'incremento dei contatti sociali durante le feste. L'impatto su ricoveri e decessi sarà visibile nelle prossime settimane". 

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?