Gli usa restituiscono all’Iraq oltre 17 mila reperti di epoca preistorica, assira, babilonese e islamica, saccheggiati o contrabbandati durante la lunga crisi che ha sconvolto il Paese mediorientale dall’invasione voluta nel 2003 dagli Stati Uniti per rovesciare il regime di Saddam Hussein. Tra questi, una tavoletta di argilla antica 3.500 anni che riporta una parte dell’epopea sumerica del re di Uruk, Gilgamesh: è considerata il più antico testo letterario del mondo, scritto in lingua accadica.