Massimo Giletti conduce 'Non è l'Arena' (ImagoE)
Massimo Giletti conduce 'Non è l'Arena' (ImagoE)

Roma, 9 dicembre 2021 - Cresce la bufera social dopo l'intervista di Massimo GIletti a Guido Russo, il dentista di Biella, diventato tristemente famoso per essersi presentato con un finto braccio di silicone al vaccino anti-Covid. Dal direttore di Radio Rai Andrea Vianello a Selvaggia Lucarelli, tantissimi cittadini hanno tuonato contro il conduttore di 'Non è l'Arena'. 

"Tra poco grande show con l'uomo con il braccio finto a cui il vaccino, non fatto, ha rovinato la vita per colpa dei giornalisti cattivi e liberticidi venghino, siori, venghino", ha scritto ironicamente Vianello su Twitter riferendosi al "mi avete rovinato la vita" che il 57enne biellese aveva rivolto ai giornalisti che suonavano al suo campanello di casa. "Dopo arriva 'The elephant man' dal Dna modificato da Big Pharma direttamente da Kansas City'', ha aggiunto. 

Qualche giorno fa una frecciatina era stata lanciata a Giletti anche da Selvaggia Lucarelli. "Ovviamente Mr Braccio di silicone ha già chiuso esclusiva con Massimo Giletti. Come ti sbagli", aveva scritto la giornalista su Twitter. Tanti i cittadini che hanno espresso la propria indignazione sui social: "Ma la decenza viene dopo l'audience?'', si domanda un follower. "Giletti è ormai alla frutta - scrive un altro utente commentando l'intervista - se non riesce a fare audience con l'informazione ormai la fa con la disinformazione. Che squallore''.

Tra i tanti commenti critici e indignati c'è anche chi si affida all'ironia: "Grande scoop di Giletti - si legge su Twitter - dopo il dentista no vax intervisterà il pipistrello di Wuhan con simpatie fasciste''. E ancora: ''Ringraziamo Giletti per non aver chiesto al dentista con il braccio al silicone di portare la protesi in studio'', commenta un altro. 

Le dichiarazioni del dentista

Mentre i social si infiammavano di indignazione, il dentista Guido Russo ha detto la sua versione. "Il giorno dopo il braccio finto mi sono dovuto piegare al sistema", ha dichiarato il biellese annunciando di essersi vaccinato. "Io non volevo fare il vaccino, sono contrario al vaccino Covid, ho paura", ha spiegato precisando di avere fatto tutti gli altri vaccini e che la sua voleva essere "solo una provocazione per lanciare una protesta personale". "Non sono riuscito a suscitare l'audience che volevo, ero triste, demoralizzato - ha continuato - e mi sono detto 'non sono bravo come attore', devo fare il vaccino perché devo lavorare. E l'ho fatto perché lo Stato mi impone di farlo...".