2 feb 2022

"Gestire il Covid come l’influenza". Sileri: ora lo dicono anche i numeri

Il sottosegretario: "Contagi in calo e immunizzazione a livelli elevati, l’emergenza può terminare il 31 marzo"

lorenzo moroni
Cronaca
Pierpaolo Sileri, 49 anni, chirurgo, sottosegretario alla salute nel governo Draghi
Pierpaolo Sileri, 49 anni, chirurgo, sottosegretario alla salute nel governo Draghi

Roma, 2 febbraio 2022 - "È tempo di passare a una ’gestione ordinaria’ del Covid-19, così come avviene per l’influenza". Pierpaolo Sileri, sottosegretario alla salute nel governo Draghi, vede la luce in fondo al tunnel. È "molto probabile che il 31 marzo lo stato d’emergenza non venga prorogato". Omicron 2, 'invisibile' e più contagiosa. Oms: "Si avvia a soppiantare Omicron 1" Multa a over 50 non vaccinati: cosa c'è da sapere sull'obbligo Siete tutti d’accordo nel governo? "La mia è una considerazione dettata dall’osservazione dell’andamento della pandemia: se i contagi continueranno a calare e lo stesso trend sarà rilevato soprattutto nei ricoveri e nelle terapie intensive, non vedo ragioni per dover prolungare lo stato d’emergenza oltre il 31 marzo. È un termine che coincide con il momento in cui verosimilmente potremo rimodulare alcune delle restrizioni che il virus ci ha finora imposto. Dopo di che, come sempre avviene, nel governo si discute, ci si confronta e poi si trova la sintesi. Tutte le decisioni sono collegiali e quelle legate alla pandemia sono sempre supportate da argomentazioni scientifiche". Bollettino Covid: i dati del 2 febbraio Perché ritiene che sia arrivato il momento di uscire dallo stato di emergenza? "I dati dell’Italia e degli altri paesi che hanno avuto l’ondata Omicron prima di noi ci dicono che le caratteristiche intrinseche di questa nuova variante virale, unite agli elevati livelli di immunizzazione nella popolazione, rendono più gestibili le sue manifestazioni cliniche. È tempo di passare ad una gestione ordinaria così come avviene per l’influenza, il che vuol dire fare sorveglianza sulle forme gravi, definire la tempistica degli eventuali richiami vaccinali stagionali, separare insomma l’aspetto sanitario da quello amministrativo, collegato quest’ultimo ad una fase emergenziale dalla quale per fortuna stiamo uscendo". Lei ha detto che il Green pass andrà rimodulato. "È stato uno strumento fondamentale ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?