28 dic 2021

Covid, Garattini: "Vaccino obbligatorio o il Paese va in tilt"

Il fondatore dell'Istituto Mario Negri: "È la via maestra, non c'è più tempo da perdere. Il governo deve avere più coraggio"

alessandro belardetti
Cronaca
Silvio Garattini, 93 anni
Silvio Garattini, 93 anni

"Il governo, per contenere la pandemia, ha ancora tre strade: obbligo vaccinale, lockdown per i no vax, eliminare i tamponi dal Green pass. Ma la prima via è quella maestra, non c’è più tempo da perdere, l’esecutivo deve avere più coraggio". A dirlo è una delle voci scientifiche più istituzionali in Italia, il farmacologo Silvio Garattini, fondatore dell’Istituto Mario Negri. Omicron, studio Usa: incubazione più breve. Cdc: "Ecco quando si è contagiosi" Covid il bollettino del 29 dicembre Professore, siamo giunti a quella "estrema ratio per l’obbligo vaccinale" in Italia, di cui parlava qualche mese fa? "Ci siamo, non è accettabile che ancora così tante persone rifiutino l’antidoto incidendo sulla situazione generale. La maggior parte dei pazienti in Terapia intensiva è no vax. Il governo deve avere il coraggio di prendere questa decisione. I dati dicono che c’è necessità e siamo in ritardo". Quarantena Covid: nuove regole e quanti giorni. Quando entra in vigore il Decreto Nelle restrizioni graduali del governo c’è ancora l’ipotesi di un lockdown per i non vaccinati. "Certo, come anche levare la possibilità di fare il tampone per avere il Green pass. La vaccinazione e la guarigione rappresentano una sicura protezione, il test assolutamente no. È una fotografia di un determinato momento, che non copre dalla malattia". Visto che il Green pass non ferma i contagi e un lockdown generale non è possibile, l’alternativa a non rendere obbligatori gli antidoti al Covid è lasciare correre il virus creando un’immunità di gregge naturale. È una strada percorribile? "No, perché la variante Omicron è molto più contagiosa. Dai dati sembrerebbe meno aggressiva, però se si diffonde così tanto è lo stesso paralizzante. Quando in troppi si ammalano e devono rimanere a casa, il Paese va in tilt. Per questo il governo deve prendere una decisione in fretta". Perché solo Austria, ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?