I premi messi in palio per le prime dieci classificate del Torneo delle Province Venete: abbondano stendini, ferri da stiro e lavapavimenti
I premi messi in palio per le prime dieci classificate del Torneo delle Province Venete: abbondano stendini, ferri da stiro e lavapavimenti
Una cassa di birra per gli uomini, stendini e assi da stiro per le donne. Fanno discutere i premi messi in palio per il Torneo delle Province Veneto, competizione ciclistica organizzata dall’Associazione Cultura, sport e Tempo libero, (ACSI), un ente affiliato al Coni. La gara si corre oggi a Sant’Eufemia di Borgoricco, in provincia di Padova....

Una cassa di birra per gli uomini, stendini e assi da stiro per le donne. Fanno discutere i premi messi in palio per il Torneo delle Province Veneto, competizione ciclistica organizzata dall’Associazione Cultura, sport e Tempo libero, (ACSI), un ente affiliato al Coni. La gara si corre oggi a Sant’Eufemia di Borgoricco, in provincia di Padova. L’accusa che rimbalza sui social è quella di sessismo.

"C’è una grossa novità", scrivono gli organizzatori su Facebook: "Prenderà il via una partenza per sole donne dove saranno premiate le prime 10 classificate. Lo abbiamo fatto perché vogliamo dare la possibilità di gareggiare anche a quelle numerosissime donne che non se la sentono di partire assieme alla categoria maschile, speriamo che questa sia una iniziativa apprezzata e che si presentino al via numerose".

Di sicuro qualcuno non ha apprezzato i premi messi in palio. Quali? Alla vincitrice, oltre a delle neutre ruote da corsa in alluminio, saranno donati un montalatte e un mocio per i pavimenti; mentre l’ultima della top ten otterrà uno stendino. Di tutt’altro tenore i riconoscimenti pensati per i maschietti: set da ciclismo unisex, una cassa di birra, maglie, copertoncini, cesti alimentari e una macchina per il caffè. Una differenziazione che ha fatto storcere il naso a qualcuno. Non è più vero che a caval donato non si guarda in bocca. Anzi.

Le perplessità emerse riguardano gli stereotipi di genere evocati dai premi, soprattutto per quanto riguarda la corsa femminile. Le donne, infatti, saranno ’gratificate’ con il kit della pulizia. Come a dire: il compito di rassettare la casa spetta a voi e soltanto a voi.

"Ma non vi vergognate a vivere ancora nel 1850? - chiede un utente di Facebook - Ma chi è che viene pagato per queste pensate così geniali?".