Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
10 feb 2022

Chi è Gioacchino Gammino: il super boss incastrato con Google Maps

Il padrino della Stidda è stato riconosciuto grazie a una foto scattata dalle auto di Mountain View. Anche Falcone negli anni Ottanta aveva indagato su di lui. Era tra i 20 latitanti più pericolosi del nostro Paese

10 feb 2022
luca bolognini
Cronaca
featured image
Lo scatto di Google Maps che ha incastrato Gammino
featured image
Lo scatto di Google Maps che ha incastrato Gammino

Madrid, 10 febbraio 2022. Gioacchino Gammino, il super padrino arrestato grazie a Google Maps, tornerà domani in Italia. La Spagna ha infatti dato il via libera all’esecuzione del mandato di arresto europeo, emesso il 29 maggio 2014 dalla Procura di Agrigento. Il boss della Stidda, considerato uno dei 20 latitanti più pericolosi d’Italia, era stato catturato lo scorso 17 dicembre non lontano da Madrid.

L’arresto tecnologico

Gammino, subito dopo essere stato preso, non era riuscito a trattenere lo stupore con gli agenti. “Come avete fatto a trovarmi? Da dieci anni – aveva detto – non telefonavo più alla mia famiglia”. Il malavitoso, su cui aveva indagato anche Giovanni Falcone negli anni Ottanta, viveva tranquillamente a Galapagar, dove si fingeva uno chef. Ma gli investigatori della Dia della procura di Palermo erano riusciti a mettere le mani su una foto scattata da una delle vetture di Google Maps, che immortalano le strade di tutto il mondo, in cui c’era un uomo che assomigliava molto a Gammino. Scandagliando i social, le forze dell’ordine sono passati dai dubbi alla certezza: quell’uomo era proprio il boss della Stidda, la cicatrice sul mento non poteva mentire.

L’omicidio

Gammino, oggi 61 anni, tornerà quindi in Italia dopo vent’anni per scontare la condanna all’ergastolo, visto che è ritenuto uno dei componenti del commando che nel 1989 uccisero per errore un passante a Campobello di Licata, scambiandolo per un membro di un clan rivale.

La faida

In quegli anni, infatti, si combatteva la guerra fra Cosa Nostra e la Stidda, l’organizzazione mafiosa fondata da Leonardo Messina e Salvatore Riggio. Il sanguinoso conflitto alla fine vide prevalere i corleonesi. Gli stiddari, decimati da Cosa Nostra e dalle inchieste, hanno poi infiltrato il Nord Italia, trasformandosi in un’organizzazione malavitosa più dedita agli affari che alla violenza.

Il ruolo di Gammino

Secondo Falcone, Gioacchino Gammino era l’uomo che teneva i contatti con alcuni gruppi della Stidda in Lombardia. Il boss era già scappato in Spagna nel 1998, ma venne arrestato ed estradato. Incarcerato a Rebbibia, nel 2002 riuscì a evadere mentre in carcere si girava un film con Vittoria Belvedere. Si confuse tra alcuni parenti di detenuti e fece perdere le proprie tracce. Per ritrovarlo ci sono voluti quasi 20 anni e Google Maps.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?