Dopo due giorni di carcere si dichiara pentito e chiede scusa Gaetano Scutellaro, il 57enne che sabato scorso, dopo avere messo al sicuro in banca un "gratta e vinci" da mezzo milione di euro rubato a una signora napoletana di 69 anni, stava per trasferirsi alle Canarie dove intendeva attendere che le acque si calmassero per poi ritirare il premio. A riferire la decisione dell’uomo è l’avvocato Vincenzo Strazzullo, al termine del primo colloquio in carcere con il suo cliente. Lunedì scorso il 57enne è stato sottoposto a fermo dai carabinieri che l’hanno rintracciato sul tratto casertano dell’A1, all’altezza di Teano, mentre a bordo della sua auto viaggiava in direzione di Napoli. "Ho trovato un uomo molto provato – ha detto Strazzullo –, una persona afflitta che, appena mi ha visto, si è subito detta pentita. Tra le lacrime si è scusato con tutti e in modo particolare con la signora". Secondo quanto riferisce il penalista, Scutellaro avrebbe capito il grave errore commesso: "In quel momento non riusciva a ragionare, è affetto da una grave malattia psichiatrica".