Emmanuel Macron, 43 anni
Emmanuel Macron, 43 anni
Batosta per il Rassemblement National alle elezioni regionali francesi segnate da un alto tasso di astensionismo. Secondo dati su scala nazionale dell’istituto Ifop-Fiducial, il partito sovranista di Marine Le Pen ottiene solo il 20,5% delle preferenze, una vera delusione per una formazione che ieri non ha...

Batosta per il Rassemblement National alle elezioni regionali francesi segnate da un alto tasso di astensionismo. Secondo dati su scala nazionale dell’istituto Ifop-Fiducial, il partito sovranista di Marine Le Pen ottiene solo il 20,5% delle preferenze, una vera delusione per una formazione che ieri non ha ottenuto neanche una regione (nemmeno quella della Provenza-Alpi-Costa Azzurra) e che molti sondaggi davano invece come in forte ascesa.

Schiaffo anche alla maggioranza presidenziale di Emmanuel Macron, ferma al 7%, una conferma dello scarso radicamento di En Marche a livello locale. Come ha sottolineato il delegato generale del partito di Macron, Stanislas Guerini, è "una delusione per la maggioranza presidenziale".

Questo voto segna invece il grande ritorno della destra neogollista. Con il 38% delle preferenze, Républicains e alleati appaiono come la prima forza politica del Paese, a un anno dal voto per l’Eliseo. Bene anche l’unione della gauche e degli ecologisti, con il 34,5%. Insomma, un ritorno di partiti più tradizionali dopo il bipolarismo Macron-Le Pen.

Conseguenze a livello nazionale? Fonti dell’esecutivo assicurano che non ci sarà nessun rimpasto di governo, ma "aggiustamenti necessari e limitati". A meno di un anno dalle presidenziali, questo nuovo test elettorale regionale doveva essere la prova generale di un nuovo duello tra Macron e Marine Le Pen (Rassemblement National) per l’Eliseo e, invece, proprio i due pretendenti sono stati i più puniti da un’affluenza mai così bassa. Due elettori su tre hanno disertato i seggi.

red. est.