Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
1 mar 2017

Bebe Vio, l'album di famiglia

"Vado a vivere da sola". Bebe Vio sabato compie 20 anni ed è giunto il momento di decisioni importanti. "Una scelta di crescita: a questo punto non sono più una teenager, devo cominciare a vivere le cose da grande". Milano è la meta scelta dalla campionessa paralimpica, icona di personalità e voglia di vivere, come il padre Ruggero racconta: " E' sempre stata una bambina vivacissima. Si è fatta notare sin dal primo giorno che è nata, piangeva sempre, non dormiva mai". E' sempre stata determinata, come quando a 2 anni pretese di portare giù dalle scale di casa una valigia che era più grande di lei: "io posso fare tutto quello che voglio", lo disse allora, una frase diventata il motore della sua vita

A quattro anni Bebe inizia a fare sport, un corso di ginnastica artistica, e alla prima gara vince. A cinque anni scarta la pallavolo, si annoia, ma nella palestra accanto tirano di scherma: "E' stato amore a prima vista, una vera e propria folgorazione". Bebe cresce, va a scuola, e 9 anni la sua determinazione torna ancora fuori, scrive una lettera al sindaco di Mogliano Veneto per lamentarsi dei pericoli della strada vicino casa. 

Purtroppo a 11 anni è colpita dalla malattia, una meningite devastante. Perde braccia e gambe. Due mesi tremendi a casa poi la ripartenza: "La vita è ricominciata al centro protesi". "Era il mese di giugno, ci dissero che ci volevano sei mesi", ma la determinazione di Bebe riaffiora: "Ad agosto devo andare all'isola d'Elba al mare". Nessuno credeva in quella sfida, ma lei "dopo 9 settimane era all'Elba". 

Bebe è una che non si arrende: a 12 anni, dopo la malattia e le amputazioni impara nuovamente a camminare e vuol tornare anche a fare scherma. Tirare di scherma senza braccia? E' una domanda che non si pone: nel Natale del 2009 va a Roma per fare un 'provino' con Fabio Giovannini, allenatore della nazionale paralimpica, le legano il fioretto alle protesi con lo scotch e lei fa vedere cosa sa fare. A gennaio 2010 il primo prototipo di protesi per la scherma, da allora tante vittorie di Bebe, culminate con l'oro olimpico di Rio. 

Nel 2012, alle paralimpiadi di Londra è tedofora ma pensava già ai Giochi di Rio 2016. Arriveranno poi la copertina di Sportweek, quella di Vanity Fair, la Polizia e la Nike. Può bastare? No, ci sono le paralimpiadi di Tokyo 2020, di cui è anche testimonial, poi nel 2024 vuole candidarsi alla presidenza del comitato paralimpico e nel 2028 alla presidenza del Coni. Oltre non andiamo, ma Vio di limiti non se li è mai messi, quindi ogni traguardo è 'infilzabile' col suo fioretto. 

1 mar 2017
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Lapresse
Lapresse
Lapresse
Lapresse
Lapresse
Lapresse
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Lapresse
Lapresse
Lapresse
Ansa
Ansa
Ansa
Olycom
Olycom
Olycom
Lapresse
Lapresse
Lapresse
Lapresse
Lapresse
Lapresse
Lapresse
Lapresse
Lapresse