Cronaca

Braccio di ferro tra Italia e Malta su Aquarius, nave della Ong Sos Mediterranée con a bordo 629 migranti. Il ministro dell'interno Matteo Salvini ha deciso di chiudere i porti italiani, impedendo l'attracco dell'imbarcazione. La Guardia Costiera ha invitato Malta ad accogliere Aquarius, ma La Valletta ha rifiutato categoricamente. L'isola "non ha competenza" su questo caso dato che il recupero dell'imbarcazione "è avvenuto nell'area di ricerca e salvataggio libico ed è stato coordinato dal centro di Roma", la linea del governo maltese. Ma quali sono le regole del mare in casi del genere? Si può vietare l'attracco delle navi? Ci sono precedenti in tal senso? E come si può valutare il comportamento della Valletta? Ecco quattro spunti di riflessione. Dalla Convenzione Onu sui diritti del mare a quella Europea dei Diritti dell'Uomo: cosa dicono le carte.

Testi a cura di ALESSANDRO FARRUGGIA

Aquarius, Salvini: "Abbiamo lavorato per tutta la notte, vediamo di risolverla"

Italia-Malta scontro su nave dei migranti

 

Sport Tech Benessere Moda Magazine